Meloni all’attacco di Conte: «È tragicomico, dice che la Lamorgese è competente. Che coraggio»

martedì 14 Settembre 15:25 - di Gabriele Alberti
Meloni Conte Lamorgese

Luciana Lamorgese, “ministro di grande competenza ed esperta del settore”. Così parlò Giuseppe Conte a “Quarta Repubblica”. Controcanto: “Rave party, sbarchi continui e scarso controllo del territorio. Da “obiettivo sbarchi zero” a sostenere le politiche fallimentari e immigrazioniste del Ministro Lamorgese è stato un attimo per il M5S e Conte. Che coraggio…”. Basita, Giorgia Meloni commenta l’intervento dell’ex premier Giuseppe Conte in difesa della ministra dell’Interno Luciana Lamorgese. Commento ripetuto già in un’ interviste al Corriere e poi nei suoi interventi pubblici e televisivi. La difesa reitarata di un fallimento conclamato è “tragicomica”, ribatte una volta di più la presidente di Fratelli d’Italia dai suoi profili social.

Conte fuori dalla realtà: “Lamorgese competente ed esperta”

Sbarchi aumentati a passo di carica a parte, in particolare gridano a vendetta le sue parole sulla tragedia sfiorata a Rimini. Meloni aveva sollecitato le dimissioni alla luce degli ultimi sviluppi sul richiedente asilo somalo, che sabato 11 settembre ha sfiorato la strage colpendo a casaccio con un set di coltellacci da cucina, 5 persone incluso un bambino di 6 anni.  Sono seguite le parole sconcertanti della ministra: “Poteva succedere ovunque“. Dunque, la presa d’atto dell’incapacità di difenderci. La polemica cresce di tono. Fratelli d’Italia non cessa di chiedere le dimissioni del ministro dell’Interno.  E c’è anche un durissimo comunicato dei capigruppo della Lega. Tajani chiede un vertice sulla sicurezza.

Esplode il caso Lamorgese

Danimarca, Olanda, Svezia e Germania: quattro Nazioni hanno negato il diritto d’asilo al somalo. Perché sia stato accolto in Italia rientra nei mestieri gaudiosi del Viminale. Alla luce anche del fatto che era stato ignorato un alert della Croce Rossa che indicava l’uomo come pericoloso. Come mai sia stato libero di circolare è un altro mistero. “La Lamorgese deve essere sostituita”. Pd e 5 Stelle difendono invece la titolare del Viminale. Ascoltare, dunque, a Quarta Repubblica l’ex premier Conte fare affermazioni fuori dalla realtà è stato veramente troppo.

Il ministro Lamorgese, nella visita postuma a Rimini, avrebbe dovuto scusarsi e dimettersi e non affermare con superficialità che l’aggressione a donne e bambini sia avvenuta per caso a Rimini. L’episodio non è un incidente ma uno dei tanti esempi di immigrati entrati illegalmente in Italia, che assumono droga, girano armati e aggrediscono cittadini onesti. Poteva succedere dovunque, afferma il ministro, e infatti sta accadendo ovunque. Cali il sipario.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *