Calcio violento, arbitro preso a pugni dall’allenatore (video): non va ko ma sospende la partita

martedì 28 Settembre 15:19 - di Marta Lima

“Ho avuto un attimo di buio totale”, si giustifica il picchiatore, Giovanni Alosi, allenatore del Carpignano. Scuse tardive: con tutta probabilità sarà squalificato per lungo tempo o radiato. Ma intanto sul web il video della sua performance pugilistica contro l’arbitro è virale. L’aggressione si è verificata nel corso della partita tra Oleggio Castello e Carpignano, la vittima è l’arbitro Andrea Felis di Torino colpito al volto dal tecnico del Carpignano, Giovanni Alosi. Siamo nel campionato di Prima Categoria, Girone A Piemonte, terza giornata, sul campo di Paruzzaro. L’Oleggio Castello padrone di casa è avanti 2-0 sul Carpignano, poi arriva anche un’espulsione dell’allenatore Alosi, che non la prende bene, lo insegue e gli sferra un pugno colpendolo al viso. L’arbitro non va al tappeto, incassa bene, poi fischia tre volte decretando la conclusione anticipata del match e rimandando il risultato alla decisione del Giudice Sportivo.

L’arbitro preso a pugni e la difesa dell’allenatore

“Non cerco giustificazioni — ha detto poi il tecnico boxer al portale “I am calcio” —, il mio gesto non ha niente a che fare con i valori e con il mio modo di intendere il calcio, che è prima di tutto un divertimento che non può e non deve permettere tensioni come quelle che mi hanno portato a compiere questo gesto bruttissimo e di cui mi vergogno in prima persona perché ho visto anch’io le immagini ma non mi ci riconosco”. Alosi spiega di essersi scusato con l’arbitro a fine gara: “Ho rovinato una gara di calcio in cui gesti violenti come il mio non dovrebbero trovare mai posto e infine alla mia società verso la quale mi sento responsabile non solo per il ruolo che ricopro ma anche perché possediamo un settore giovanile con tanti ragazzi a cui non andrebbero mai presentati esempi come il mio“. Il tecnico ha rassegnato le proprie dimissioni dal Carpignano. Un’altra pagina di calcio violento in Italia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *