Calcio violento, scontro tra tifosi a Potenza: un morto, due feriti

domenica 19 gennaio 19:16 - di Marta Lima

Calcio violento in Lucania. E come al solito i protagonisti sono i tifosi rivali, entrati in contatto al termine di una partita di campionati minori, quella tra Vulture Rionero e il Melfi, in Eccellenza. L’ipotesi dello scontro tra tifoserie è al momento la più attendibile per il caso del 33enne tifoso del Rionero investito e ucciso. Secondo la prima ricostruzione da parte della Polizia, si sono incrociati a Vaglio Scalo, nei pressi della stazione ferroviaria, due gruppi di tifosi, uno del Melfi, diretto a Tolve, e uno del Vultur Rionero, diretto a Brienza. Sono avvenuti scontri e un tifoso rionerese è morto sul colpo dopo essere stato investito da un’auto il cui conducente non si è fermato per i soccorsi. Ma non finisce qui.

Calcio violento, un morto e due feriti

Ci sono anche altri feriti, tra i quali un tifoso del Rionero, pure investito, e trasportato in eliambulanza dal 118 all’ospedale San Carlo di Potenza. Stando alle ultime informazioni, la Polizia di Potenza avrebbe fermato l’auto ricercata con tre ultrà del Melfi a bordo. Si sta ricostruendo la dinamica per capire cosa sia accaduto negli istanti tragici. Le partite del Melfi e del Vultur sono state sospese. In serie C, inoltre, a Catania i tifosi del Potenza, gemellati con la Vultur, hanno ritirato gli striscioni e poi hanno lasciato lo stadio.

Sono intanto stati dimessi dall’ospedale San Carlo di Potenza, invece, i due tifosi coinvolti negli scontri avvenuti nel primo pomeriggio allo scalo di Vaglio, in provincia di Potenza, dove è morto un 33enne tifoso del Vultur Rionero. Saranno sentiti dalla Polizia di Potenza per la ricostruzione dei fatti e della dinamica degli scontri.

Al ”San Carlo” è ricoverato il giovane sostenitore del Vultur Rionero, in gravi condizioni per politraumatismo da strada, pure lui investito dalla Fiat Punto. Sul luogo della tragedia sono stati sequestrati oggetti di interesse investigativo, probabilmente utilizzati nelle violenze.

Il dolore del sindaco di Melfi

‘Sono profondamente addolorato per le notizie che mi giungono e che parlano di scontri tra tifoserie. Mi chiedo: tifoserie di cosa? Atti di violenza e un giovane deceduto non parlano di sport”. Così il sindaco di Melfi, Livio Valvano, commenta gli scontri tragici di questo pomeriggio a Vaglio, nel Potentino. ”Un giovane lucano del Vulture che ha perso la vita e un altro gravemente ferito – aggiunge – sono per me fonte di grande dolore.
Esprimo vicinanza alle famiglie incolpevoli, per l’incommensurabile dolore che sopraggiunge. Ci facciamo del male da soli usando violenza tra noi, tra fratelli che avrebbero dovuto passare ore di svago, di gioia, in pace. E’ inaccettabile e intollerabile, non c’è giustificazione per chi si è reso responsabile di questa tragedia. E’ una giornata di lutto – sottolinea – per tutta la comunità del Vulture”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza