Quell’email che inchioda Giuseppe Conte: pronte le carte bollate contro la sua elezione a leader M5S

venerdì 27 Agosto 18:58 - di Redazione
giuseppe conte

Le elezioni amministrative e i ricorsi contro la sua elezione a presidente del M5S. Si prospetta un autunno caldo per Giuseppe Conte, che già da settembre potrebbe trovarsi alle prese con beghe legali che ne mettono in discussione la leadership. Gruppi di attivisti, infatti, sarebbero pronti a impugnare la votazione in relazione non solo a vizi procedurali, ma anche all’iscrizione di Conte al Movimento, che non sarebbe avvenuta.

Pronti i ricorsi contro l’elezione di Giuseppe Conte

A riferire delle grane prossime venture per il leader pentastellato è stata l’agenzia di stampa Adnkronos, secondo la quale le impugnazioni dovrebbero riguardare sia il voto che ha sancito le modifiche statutarie sia quello successivo sulla leadership di Conte, che per altro già se la passa piuttosto male. C’è il fatto che si sono svolti sulla nuova piattaforma Sky Vote al posto di Rousseau, dalla quale il M5S ha divorziato a inizio giugno tra polemiche e veleni. Oltre ai presunti vizi di procedura nella convocazione dell’assemblea degli iscritti, però, nel mirino dei ricorrenti ci sarebbe proprio il tema dell’iscrizione di Conte al M5S.

La mail a Rousseau per l’iscrizione dell’avvocato al M5s

Alla fine di luglio, è stato riferito all’Adnkronos, il M5S avrebbe inviato all’Associazione Rousseau una mail per chiedere l’inserimento del nome di Conte nei registri degli iscritti. Sul nuovo sito movimento5stelle.eu, infatti le nuove iscrizioni risultano momentaneamente sospese. «A breve sarà disponibile un nuovo portale di accesso che consentirà le nuove iscrizioni e altre funzionalità», si legge nelle Faq. Rousseau, secondo quanto appreso dall’agenzia di stampa, non avrebbe però esaudito la richiesta avanzata dai pentastellati. La risposta della no profit di Casaleggio è stata una email automatica, nella quale si spiegava ai 5 Stelle che Rousseau non stava più gestendo il supporto.

Chi può essere eletto presidente secondo il nuovo Statuto

Ma stando al nuovo statuto redatto dallo stesso Conte, «può essere eletto presidente ogni iscritto che presenti i requisiti di eleggibilità alla Camera dei deputati, nonché gli ulteriori requisiti fissati dal Comitato di Garanzia con apposito Regolamento». Il 6 agosto, sul blog, Vito Crimi ha annunciato l’esito del voto per l’elezione di Conte come presidente del Movimento: 62.242 iscritti (il 92,8% dei partecipanti al voto) aveva detto sì.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )