Ikea, spionaggio degli operai. Un milione di euro di multa per la filiale francese del colosso svedese

martedì 15 Giugno 13:26 - di Redazione

Spionaggio dei dipendenti. Tegola su Ikea. La a filiale francese della multinazionale svedese è stata condannata a pagare un milione di euro di multa. Stessa sorta per uno dei suoi ex presidenti. Condannato anche a pene detentive con la condizionale. L’accusa è gravissima: aver fatto spiare diverse centinaia di dipendenti e lavoratori  fra il 2009 e il 2012.

Spionaggio, multa di 1 milione di euro per Ikea

Il tribunale di Versailles li ha riconosciuti colpevoli di “ricettazione di dati personali in modo fraudolento”.  Condannandoli però a pene meno pesanti di quelle richieste dall’accusa. È stata esclusa in particolare l’imputazione più grave, la “sorveglianza di massa”.

La condanna getta un’ombra nera sullo sfruttamento degli operai delle grandi multinazionali. Costretti a orari pesantissimi, sottopagati e spesso controllati a vista.

Protese a oltranza a Roma sotto gli stabilimenti

A questo si aggiunge il rischio della perdita del posto di lavoro causata dai ‘tuttofare online” nel trasporto e montaggio dei mobili ikea. Sono circa 100 gli operai scesi in sciopero da 5 giorni a Roma negli stabilimenti di Porta di Roma e Anagnina. Al grido di “i diritti non si smontano”. Come si legge sugli striscioni. Da 5 giorni  sit-in e presidi, furgoni sotto gli store insieme a bandiere e striscioni.

In 100 rischiano il posto di lavoro

Per anni si sono occupati del trasporto, montaggio e smontaggio dei mobili del colosso svedese. Ora, con l’appalto della  Rhenus logistic spa, si sentono minacciati dai taskers  disponibili sulla piattaforma acquisita di recente da Ikea. Che mette in connessione diretta i consumatori con i lavoratori freelance.

L’Ugl vuole vederci chiaro: pretendiamo un tavolo

Una protesta sostenuta dall’Ugl che vuole vederci chiaro. “La mobilitazione dei lavoratori post vendita di Ikea che sta bloccando decine di montaggi previsti. E continuerà ad oltranza fino a quando Ikea non si degnerà di incontrare una delegazione della Ugl. Che ad oggi rappresenta il 90% della squadre in carico all’azienda appaltatrice Rhenus logistic”,  scrive il sindacato. Che ha coinvolto anche l’ispettorato del lavoro. I lavoratori sono esasperati. E domani porteranno la protesta sotto il  Parlamento. Un sit in davanti a Montecitorio per chiedere ai deputati di farsi carico di questa vertenza.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )