Ddl Zan, la bocciatura dei giuristi. Flick e Nordio: «Da rifare. Una norma penale non si scrive così»

giovedì 3 Giugno 17:25 - di Michele Pezza
Ddl Zan

Come farà la sinistra a scaricare la solita dose di insulti ora che a demolire il ddl Zan è nientemeno che Giovanni Maria Flick, già guardasigilli del governo Prodi? E per di più in forma solenne, cioè nel corso di un’audizione davanti alla commissione Giustizia del Senato? Intendiamoci, l’obiettivo di contrastare l’omotransfobia lo condivide da cima a fondo, ma da giurista – vivaddio – su certi strafalcioni non può certo passarci. «Ho riserve su come la legge è stata formulata», esordisce sfoggiando il consueto aplomb. E ne spiega i motivi: «C’è difficoltà per il giudice, per mancanza di tipicità e tassatività delle norma. Genere, orientamento sessuale e identità di genere finiscono per confondere». Morale: «La legge va modificata».

Audizioni al Senato sul ddl Zan

E non è finita, perché – stessa commissione, stessa Camera – alle riserve di Flick sul ddl Zan vanno ad aggiungersi le critiche dell’ex-magistrato Carlo Nordio. «Aderisco a quanto detto da Flick», premette l’ex-procuratore aggiunto di Venezia. «Nel testo – spiega – c’è una carenza di specificità e tassatività che deve connotare ogni norma penale». Anche una matricola della facoltà di giurisprudenza lo sa. Per farlo capire anche ai pasdaran parlamentari del ddl Zan, invece, Nordio è costretto a fare l’analisi del testo articolo per articolo, soffermandosi un particolare sull’1 e sul 4.

«Meglio il testo presentato dalla Ronzulli»

Il primo è quello che parla di orientamento sessuale ma, obietta Nordio, «dà un definizione spuria che può ritorcersi contro le intenzioni del legislatore». E questo perché all’articolo 1 «vi è un agglomerato di sostantivi e aggettivi che possono dire tutto e il contrario di tutto». Ragion per cui suggerisce di procedere «a una riduzione dell’impalcatura lessicale». Quanto all’altro, il 4, «o è superfluo o è dannoso». Non è chiaro se sia «esimente, scusante o elemento strutturale del reato». Meglio del ddl Zan, dunque, il testo presentato dalla forzista Licia Ronzulli? «Sotto il profilo tecnico – conclude l’ex-magistrato – presenta minori criticità».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )