Tossisce di proposito in faccia alla moglie per infettarla col Covid. Condannato in Austria

martedì 11 Maggio 17:00 - di Milena Desanctis
Austria

In Austria un marito ha deliberatamente tossito vicino alla moglie per infettarla con il Covid. L’uomo è stato condannato a sei mesi con la condizionale. La corte ha anche riconosciuto l’uomo, un abitante di Linz, colpevole di aggressione e maltrattamenti fisici ai danni della moglie. Lui si è difeso sostenendo che la donna non lo faceva più entrare in casa perché positivo. Lei lo ha accusato di essersi sottoposto a test solo dopo che lei aveva allertato le autorità sanitarie sulle sue condizioni.

Austria, la ricostruzione del caso

Come ricostruisce il sito austriaco Kurier, l’imputato si era ammalato di Covid-19 a novembre ed era stato messo in quarantena. Secondo la sua ex moglie – che all’epoca viveva ancora nella stessa casa – aveva costantemente rifiutato di indossare la mascherina a casa e aveva continuato a tossire nella sua direzione. E aveva anche usato il suo asciugamano con l’intenzione di infettarla. Durante un litigio, l’uomo aveva anche spinto una volta la moglie contro il telaio della porta. In preda al panico, la donna era fuggita da sua figlia, che l’aveva portata dal medico. La donna è stata trovata positiva al Covid.

Le due versioni

L’imputato ha negato le accuse. I due ex coniugi hanno descritto gli incidenti in modo completamente diverso. L’uomo ha affermato che non voleva farlo entrare in casa dopo il test positivo. La donna, tuttavia, ha riferito di aver inizialmente rifiutato di fare un test nonostante i sintomi e di essere andato dal medico solo dopo aver informato le autorità. La figlia ha sostenuto le dichiarazioni della donna, il figlio quelle del padre.

Nel complesso, tuttavia, scrive il sito austriaco, la corte ha creduto di più alla donnaInoltre, il marito dovrà pagare alla sua ex moglie mille euro di indennità.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *