Tommaso Zorzi, pure lui elenca le frasi omofobe ma sbaglia citazione e si becca la querela (video)

martedì 4 Maggio 11:02 - di Riccardo Angelini

Tommaso Zorzi è stato il primo a fare un elenco di citazioni omofobe per attaccare la Lega. Forse Fedez si è ispirato a Tommaso Zorzi, il vincitore del Grande Fratello vip 5? Tutto lascia pensare di sì. Comunque in una delle sue storie Instagram Zorzi ha fatto alla fine di aprile ciò che Fedez ha fatto sul palco di piazza San Giovanni.

Tommaso Zorzi contro la consigliera leghista di Lavis

Zorzi ha messo in mezzo una “consigliera leghista di Lavis, in provincia di Trento”, la quale avrebbe detto che “che il matrimonio omossessuale è un’attentato al cristianesimo e che grazie al matrimonio omosessuale si andrà incontro all’estinzione della razza umana“. Si tratta di una frase che anche Fedez ha citato nel suo monologo del 1 maggio. Frase pronunciata da una candidata legista (non eletta) al Comune di Lavis e che si chiama Stella Khorosheva. 

La replica di Monica Ceccato (Lega) a Tommaso Zorzi

Ora, l’unica consigliera leghista oggi eletta a Lavis si chiama Monica Ceccato e si è sentita chiamata in causa. Infatti lei quelle frasi non le ha pronunciate eppure i followers di Zorzi sono autorizzati a ritenere che sia stata lei a dire quelle cose, in quanto unica donna della Lega all’interno del consiglio comunale lavisano.

Ceccato: “Mai dette quelle frasi, ti querelo”

Monica Ceccato ha quindi replicato via Instagram a Tommaso Zorzi annunciandogli anche che intende querelarlo. «Caro signor Tommaso Zorzi, non ho il piacere di conoscerla ma vorrei esprimerle il mio disagio e sgomento nel sentirmi coinvolta nelle sue affermazioni – ha scritto la stessa Ceccato sempre su Instagram -. Nella mia vita politica e privata non mi sono mai permessa di fare le esternazioni che lei mi attribuisce, tantomeno di giudicare un individuo per i propri gusti sessuali. Lei che è un influencer seguito da un vasto pubblico, dovrebbe sapere che ogni parola o messaggio che trasmette influenzano e arrivano diretti alle persone che la seguono e dovrebbe essere certo di ciò che sta esprimendo verificandone le fonti, perché rischia di diffamare delle persone che nulla c’entrano, buttandole alla gogna mediatica gratuitamente e ingiustamente. Non permetterò mai che la mia integrità possa essere calpestata e che mi vengano affibbiate dichiarazioni mai fatte». Di qui la decisione di sporgere querela.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica