Povia: «Fedez censurato? Che dovrei dire io? Mi vietano Sanremo da 11 anni per motivi politici»

lunedì 3 Maggio 13:46 - di Guglielmo Federici
Fedez Povia

A sentir parlare di censura si arrabbia, e a ragione, Giuseppe Povia. Fedez censurato da parte della Rai? Macchè, il cantautore non ci sta:  ”Sarebbe stata censura se non fosse salito sul palco. Cosa dovrei dire io che non entro a Sanremo da 11 anni solo per questioni socio-politiche? Lì una censura intellettuale e artistica c’è, fino a prova contraria”. E’ quanto dice Povia all’Adnkronos. ”Quando ci sono le dirette anche a me chiedono cosa dirò -spiega il cantante-. E’ normale farlo perché ognuno ha un settore di responsabilità e può perdere il lavoro in Rai dove le poltrone saltano per cose più stupide di queste”.

Povia: “Fedez ragazzo poco informato”

Va giù duro Povia, contestando i modi e gli argomenti: “Il 1 maggio è da sempre un concerto politico per i lavoratori. In un momento come questo bisognava far leva sulla crisi che c’è da più di un anno. Fedez ha espresso i suoi pensieri ed è giusto; ma solo per attaccare un partito e senza sapere che in Italia abbiamo già leggi solide che tutelano tutti, gay compresi”. Secondo te la Rai dovrebbe fargli causa? , gli chiedono. Lui, al solito, non attacca, come suo costume: ”No -risponde- siamo nell’era di tutti contro tutti. Si può perdonare un errore di ingenuità. Soprattutto se fatto da un ragazzo che non è informato su quello che dice’‘.

Povia: “Io censurato. Mi sono proposto per il Concertone e…”

Come si sa Povia ha subito – e sta subendo- un lungo Purgatorio di censura. La critica sinistrorsa non gli perdonò brani come Luca era gay e Dobbiamo salvare l’innocenza, che andavano controcorrente.  Tant’è vero che a rendere l’onore delle armi a Povia oggi è Antonio Polito, uomo di sinistra, che dal Corriere della Sera si chiede come mai al cantane non è stata concessa la libertà di parola di cui ora tutti s’imbrodano per difendere Fedez. Infatti la censura n ei suoi confronti è ancora operativa: “Mi sarebbe piaciuto salire sul palco del Concertone del 1 maggio, mi sono proposto, ma neanche mi hanno risposto. Questa è una forma di censura”, rivela. ”Se su quel palco ci fossi stato -sottolinea il cantante- mi avrebbero prima insultato poi applaudito. Chi decide di ascoltarmi poi capisce che uso la ragione oggettiva e documento tutto ciò che dico e canto. Avrei cantato ‘Italia Ciao’: il mio ultimo singolo e quindi attaccato Bruxelles che è il nostro vero potere. Ma avrei cantato, non parlato”.

“Il ddl Zan non serve, abbiamo leggi che tutelano tutti”

Quanto a Fedez in politica, l’argomento non lo convince. E’ vero però che  ”la maggioranza degli artisti, vip, personaggi dello spettacolo, strizzano l’occhio a sinistra. Perché la sinistra apre le porte -sottolinea il cantante-. È più facile stare dalla parte facile. Io ho scelto di non stare con nessuno ma di esibirmi ovunque me ne diano la possibilità”. Quanto al punto critico dice: ”Il ddl Zan non serve, in Italia abbiamo già leggi solide che tutelano tutti. Nel 2013 a Napoli fu picchiato un ragazzo gay: sapete quanti anni di galera hanno dato agli aggressori applicando la legge più l’aggravante? 10 anni! Abbiamo 200mila leggi in Italia, di che stiamo parlando?”, conclude Povia.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *