Covid, prosegue il trend positivo. Le mascherine al ristorante? Bassetti: «Ci copriamo di ridicolo»

venerdì 28 Maggio 18:33 - di Sveva Ferri
mascherine ristorante

Sono 3.738 i nuovi casi di coronavirus e 126 i morti in 24 ore. Dunque, i numeri sono in calo rispetto a ieri, quando i contagi erano stati 4.147 e i morti 171. Il tasso di positività si attesta così all’1.5% su 249.911 i tamponi, tra molecolari e antigenici. Ieri era all’1.7% su 243.967 tamponi. Anche i ricoveri continuano a diminuire, mentre sul fronte del dibattito sulle riaperture infiamma la polemica sulle mascherine al ristorante, aperta dall’indicazione del Cts di tenerle anche mentre si è a tavola.

Sempre meno pazienti ricoverati

Nelle ultime 24 ore i pazienti in terapia intensiva sono scesi a 1.142, che corrispondono a 64 meno di ieri a fronte di 41 nuovi ingressi. I ricoverati con sintomi nei reparti Covid ordinari sono poi 7.192, vale a dire 515 in meno di ieri. I dimessi e i guariti nelle ultime 24 ore sono stati 10.534, che portano il totale delle persone che da inizio pandemia hanno superato il Covid a 3.837.518, su 4.209.707 che lo hanno contratto. Gli attualmente positivi sono 246.270, per un totale di 6.923 in meno rispetto a ieri. I decessi totali, considerati anche quelli dell’ultimo giorno, sono arrivati invece a 125.919.

Mascherine al ristorante? Bassetti: «Ridicolo e pericoloso»

Intanto, mentre sul fronte dei vaccini dall’Ema arrivano due notizie postivi, che riguardano una il via libera ai vaccini ai 12-15enni e l’altra i «primi dati rassicuranti» sul mix di vaccini per prima e seconda dose, in Italia impazza il dibattito sulle mascherine al ristorante. Secondo il Cts, andrebbero portate anche a tavola, al netto dei soli momenti in cui si beve e si mangia. Una decisione che ha suscitato il sarcasmo dell’infettivologo Matteo Bassetti. «Saranno cene in maschera o forse, potremmo pensare a progettare delle mascherine con la fessura per il cibo e magari bere con la cannuccia? Tutto questo è ridicolo e pericoloso. Si tratta di una proposta imbarazzante, senza alcun fondamento scientifico che genera solo paura e confusione», ha scritto su Facebook il direttore della Clinica di malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova.

Brusaferro: «Più che una norma, serve buon senso»

Se questa proposta «sarà adottata, coprirà l’Italia di ridicolo rispetto al resto d’Europa e del mondo. Sarebbe – ha commentato Bassetti – un’altra brutta figura del Cts… solo l’ultima di una lunghissima serie». «Ma perché in Italia troviamo sempre il modo solamente di complicare e mai di aiutare a capire e a semplificare?», si è dunque chiesto l’infettivologo. Per il presidente dell’Iss, Silvio Brusaferro, che ha ricordato come gli ambienti chiusi con molte persone favoriscano la trasmissione del virus e ha sottolineato la necessità di ventilare gli spazi, portare o meno le mascherine a tavola del ristorante appare «un dettaglio che più che essere normato, necessita di buon senso in un momento di convivialità con le altre persone».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *