Fratelli d’Italia sfida la maggioranza. Al Senato la mozione sulle riaperture e lo stop al coprifuoco

martedì 11 Maggio 17:55 - di Redazione

In vista del prossimo step dell’esecutivo, prevista per il 14 maggio, Fratelli d’Italia mette nero su bianco le sue proposte per il ritorno alla normalità. All’insegna delle aperture. E di un allentamento delle regole anti-covid. A partire dall’inutile coprifuoco. Una scelta politica mai proposta dai tecnici. Fino alla riapertura immediata delle attività commerciali, sportive e culturali. Penalizzate da un anno. Il pacchetto di proposte del partito della Meloni è contenuto in una mozione in quattro punti che impegna il governo. Depositata in Senato verrà discussa e votata giovedì 13 maggio.

Riaperture, mozione di Fratelli d’Italia al Senato

Fratelli d’Italia torna a sfidare la maggioranza con la mozione a prima firma del capogruppo Luca Ciriani

Rimuovere l’inutile misura del coprifuoco alle ore 22. La cui efficacia in termini di contenimento del contagio non è stata mai provata. Né avallata da alcun organismo scientifico qualificato”. Recita così uno dei quattro punti della mozione di FdI. Riflettori puntanti anche sull’utilizzo della mascherina. Sulla quale è una Babele di lingue. Fratelli d’Italia chiede al governo Draghi di chiarire. “L’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie anche all’aperto si impone solo e soltanto quando non sia possibile assicurare una distanza interpersonale di almeno un metro. Come indicato nel comma 5 dell’articolo 1 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 22 marzo 2021”.

Le visite a parenti e amici, rimuovere i paletti

Tra i punti salienti anche il nodo delle visite a parenti e amici. Nella mozione si chiede di rimuovere il limite di una visita al giorno presso una sola abitazione privata. Di amici, parenti e congiunti non conviventi. “Nonché quello relativo al numero di persone che possano recarsi. Ove le caratteristiche dell’abitazione e le circostanze consentano di mantenere una distanza interpersonale di almeno un metro”.

Riapertura immediata delle attività commerciali

Ultimo, ma non ultimo, la riapertura delle attività commerciali, settore maggiormente colpito dal lockdown. Che ha messo in ginocchio la piccola impresa impossibilitata a lavorare e a incassare. “Rendere immediate le riaperture di tutte le attività commerciali. Degli impianti sportivi, delle attività di ristorazione anche al chiuso”, si legge nella mozione. Compresi i luoghi della cultura (biblioteche, teatri, cinema, musei) “ove siano disposte adeguate misure anti contagio e nel rispetto dei protocolli di sicurezza”.

Maggioranza in tilt, una Babele di lingue

Due settimane fa, una mozione simile che chiedeva di cancellare il coprifuoco, mandò in tilt la maggioranza. Lega e Forza Italia erano favorevoli alla richiesta di Fdi. E anche Italia Viva aveva preso in considerazione la proposta. Alla fine la maggioranza trovò una faticosa intesa. Sulla spinta di quello che Salvini definì “il centrodestra di governo”, Con un compromesso. Una mozione che impegnava il governo a rivedere il coprifuoco entro maggio. In base ai dati epidemiologici.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )