Grillini distrutti dal voto. Scatta il processo a Crimi. “Un disastro”, “Siamo a zero”, “Ci stiamo estinguendo”

martedì 22 Settembre 0:02 - di Marta Lima

In una mano il bicchiere di prosecco per festeggiare la vittoria del Sì al referendum sul taglio dei parlamentari, nell’altra l’amaro calice delle regionali, che certificano, ancora una volta, il momento di grande difficoltà attraversato dal Movimento 5 Stelle. Sullo sfondo resta il tema della riorganizzazione e della futura leadership, mentre soffia forte il vento del malcontento interno.

Di Maio esulta, anche per il ko di Crimi

La schiacciante affermazione del Sì alla riforma fortemente voluta dal M5S segna il ritorno sulla scena dell’ex capo politico Luigi Di Maio, che parla di “risultato storico” e annuncia l’inizio di una “grande stagione riformatrice” con il contributo di maggioranza e opposizione: “Diverse forze si sono riunite sotto il vessillo del No con il solo scopo di colpire il governo e anche il sottoscritto” ma, ha rimarcato il titolare della Farnesina, il voto è stato un “boomerang” per chi cullava il sogno di mandare a casa l’esecutivo.

Il reggente finge ottimismo, ma…

“Il M5S è il vero motore del cambiamento di questa legislatura”, commenta il leader Vito Crimi, il quale ammette, per quanto riguarda
le regionali, che il risultato “è stato inferiore rispetto alle precedenti elezioni”. Da domani “parte il percorso per nuove sfide eobiettivi”, promette il reggente 5 Stelle. Ma questo non basta a placare la rabbia interna per una debacle annunciata.

Parte lo sfogatoio nel Movimento Cinque Stelle

Il ligure Sergio Battelli, presidente della Commissione Politiche Ue e grillino della prima ora, non le manda a dire: “Il M5S – si sfoga con l’Adnkronos – o cambia o va incontro a una crisi profonda che potrebbe non essere più curata. E quando parlo di cambiamento, parlo di cambiare tutto”.
Secondo il deputato l’emorragia di voti “è dovuta al fatto che il M5S non sa più parlare alle persone. Sediamoci tutti, facciamo degli stati generali veri: non accetterò blitz su questo tema. Ci vuole un approfondimento chiaro – insiste Battelli – dalla governance alla struttura, passando per il rapporto con i territori e gli attivisti”.

Impietosa l’analisi del dissidente Fabio Berardini: “Il Movimento 5 Stelle dopo 12 anni dalla sua nascita governa zero regioni e possiede
zero assessori regionali. Questo significa aver completamente sbagliato strategia negli ultimi due anni… Così non è più possibile
andare avanti. Ci stiamo estinguendo sui territori”.

Anche la fazione che fa capo a Di Battista rialza la testa

Ringhia l’ala vicina ad Alessandro Di Battista: “Oggi si registra una disfatta senza precedenti del M5S, che dopo aver dimezzato le percentuali alle europee l’anno scorso continua a correre a velocità spedita verso il fondo”, attacca l’europarlamentare Ignazio Corrao. L’ex ministro Barbara Lezzi parla invece di “assoluto disastro” per il M5S chiedendo la convocazione degli stati generali, “prima di arrivare al 5% o addirittura all’estinzione”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica