Il coronavirus non ferma i fedeli di Padre Pio: in tanti, più del previsto, a San Giovanni Rotondo

domenica 16 agosto 15:02 - di Redazione
Padre Pio

A Padre Pio non si rinuncia, anche in tempi di coronavirus. Certo, tra divieti e obblighi, un calo di presenze viene registrato. Ma non forte, anzi.«C’è stata un’affluenza superiore alle capacità ricettive che al momento il santuario di San Pio può offrire. Perché noi dobbiamo garantire il distanziamento e va gestito diversamente il numero di fedeli che possono partecipare alle celebrazioni». Lo dice all’Adnkronos Stefano Campanella, portavoce dei Frati Cappuccini che gestiscono il Santuario di San Giovanni Rotondo.

Padre Pio, attese per accedere alla Messa

«C’è stato un po’ di disagio per i fedeli dovuto all’attesa per poter accedere alla messa. Ma l’afflusso di fedeli per Padre Pio nel complesso è stato discreto, in linea con gli anni precedenti ma maggiore rispetto ai giorni settimanali».

«Il calo era preventivato e normale»

«Già nelle domeniche di luglio e di giugno abbiamo visto che c’è stato un calo rispetto agli anni passati, ma non è stata una sorpresa», continua Campanella. «I pullman di fedeli non si vedono, per lo più vi sono stati pellegrinaggi di famiglie o comitive in automobile. Ma lo avevamo messo in preventivo, ed è stato meglio così», sostiene il portavoce. «Se infatti fossero state più persone sarebbero stati maggiori anche i disagi».

I consigli per partecipare alle celebrazioni

«I Frati, comunque, hanno aumentato il numero delle messe appositamente per dare la possibilità a tutti partecipare alle celebrazioni», rassicura Campanella. «Il mio consiglio ai fedeli è di scegliere un giorno feriale. Nel fine settimana c’è più presenza di pellegrini e quindi un maggiore rischio di attese».

Quel francobollo per Padre Pio

Il 20 settembre 2018, il ministero dello Sviluppo economico ha emesso un francobollo commemorativo di San Pio da Pietrelcina, nel cinquantenario della scomparsa, relativo al valore della tariffa B pari a 1,10 euro. Il francobollo fu stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A. In calcografia, su carta bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente. Tiratura, un milione di esemplari. La vignetta raffigura un ritratto di San Pio mentre solleva un calice durante una celebrazione eucaristica.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica