Mel Gibson accusato dalla Ryder: «È omofobo e antisemita». Lui: «Bugiarda». Netflix lo “punisce”

venerdì 26 giugno 9:05 - di Giorgio Sigona
Mel Gibson

Mel Gibson ha respinto tutte le accuse di Winona Ryder- L’attrice aveva puntato il dito contro il protagonista del Patriota sostenendo che avrebbe formulato commenti antisemiti e omofobi nei confronti di lei e di un suo amico gay. Questo, a una festa hollywoodiana negli anni ’90.

Le accuse della Ryder a Mel Gibson

In un’intervista con il Times, la Ryder ha raccontato del suo incontro con Gibson, durante il quale – dopo aver appreso delle sue origini ebraiche – l’avrebbe definita una “oven dodger’”, macabro termine derivato dalla tragedia dei campi di concentramento.Inoltre, riferendosi all’amico omossessuale dell’attrice, Mel Gibson avrebbe chiesto: «Aspetta, non è che rischio di prendermi l’Aids?».

La replica del due volte premio Oscar

La risposta dell’attore è arrivata tramite i propri legali con una dichiarazione al New York Post. «Le affermazioni sono false al 100%. Mentì oltre un decennio fa, quando parlò con la stampa, e sta mentendo anche adesso». La menzione della “stampa’” si riferisce a un’intervista del 2010 con GQ in cui la star di Stranger Things ha parlato per la prima volta dell’incidente.

«La storia delle scuse è una falsità»

Aveva aggiunto che l’attore-regista aveva cercato ripetutamente di scusarsi. «La storia delle scuse è una falsità»,  hanno continuato i rappresentanti di Mel Gibson. «È vero, lui cercò di contattarla, molti anni fa. Ma solo per un confronto riguardo le sue  bugie, che lei ha rifiutato». Netflix, però, l’ha silurato.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica