Capezzone contro Raimo su Montanelli: “Sei un co…ne svalvolato”. E l’altro esibisce cartelli (video)

martedì 16 giugno 14:54 - di Adele Sirocchi

Metti insieme Daniele Capezzone e Christian Raimo in tv. Argomento: Montanelli. E sono subito scintille, com’era da spettarsi. E’ accaduto alla trasmissione di Nicola Porro Quarta Repubblica dove si parlava della statua di Montanelli, oltraggiata dai vandali del centro sociale Lume di Milano. Un atto che Raimo giudica rivoluzionario. Anzi si è portato pure in tv i soliti cartelli e in uno di questi  ha scritto che Montanelli era razzista, pedofilo, stupratore. Capezzone non ha gradito e ha dato a Raimo del “coglione svalvolato”. Inoltre gli ha ricordato quando firmava appelli in favore di Cesare Battisti. Raimo ha poi commentato così la trasmissione Mediaset: “Io insegno a scuola, se questa roba, io domani vado a scuola e faccio vedere questa roba, cioè, io vengo squalificato, cioè, voi fate una televisione impresentabile, cioè non vi rendete conto di che cosa avete, cosa state dicendo”. Lapidaria la risposta di Capezzone: “Poveri studenti, che devono avere un insegnante come te…”.

Raimo in questi giorni è molto attivo sulla sua pagina Fb contro Montanelli. Ha anche stilato una lista di buoni e cattivi: i “buoni” sono per lui ovviamente quelli che vogliono la rimozione della statua a Milano. I “cattivi” quelli che la difendono. Raimo, durante la quarantena, si è distinto per un commento nel quale lamentava la scomparsa degli spacciatori e prima ancora aveva sfogato le sue manie censorie sulla presenza al Salone del Libro di Torino della biografia di Salvini edita da Altaforte, casa editrice vicina a CasaPound.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica