Anche la Roma di Pallotta chiede un prestito garantito dallo Stato. 6 milioni per gli stipendi

mercoledì 24 giugno 18:00 - di Domenico Labra
Anche la Roma

Anche la Roma di Pallotta batte cassa. Ma stavolta alle banche chiede un prestito garantito dallo Stato. 6 milioni di euro per pagare gli stipendi, sfruttando il Decreto Liquidità come fatto da tante altre aziende. La convenienza, nella richiesta presentata al fondo di garanzia dell’istituto Mediocredito, è nell’interesse annuo: un ottimo 2,35% annuo che non è sfuggito all’Ad Fienga. Anche la Roma perciò accede al credito agevolato. La motivazione addotta è quella di poter pagare i dipendenti del club. Sia Fonseca sia i giocatori, dopo aver accettato la rinuncia alla mensilità di marzo e di spalmare quindi le successive tre, dal primo luglio torneranno infatti a stipendio pieno. E non avendo ancora perfezionato operazioni di mercato capaci di rimpinguare cassa, ecco l’idea. Appena la richiesta sarà controfirmata si passerà all’erogazione. E, passi che la banca prescelta è la Popolare del Lazio. Quando si tratta di denaro non si può scherzare. Visto che si può, perché non farlo si saran detti dalle parti dell’Eur. Prima di andare a Trigoria a verificare lo stato di salute della squadra che stasera torna in campo contro la Sampdoria dell’ex Claudio Ranieri. Da ricordare infine che la Roma è orfana recente del suo direttore sportivo Petrachi, sottratto al Toro di Cairo meno di un anno fa, ma appena cacciato dalla Capitale per chiara incompatibilità “dialettica” con la proprietà.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica