Roma, non si placa la violenza: rapinatori marocchini accerchiano e rapinano un 22enne

23 Mar 2020 9:38 - di Fabio Marinangeli
rapinatori marocchini

Altra violenza a Roma. In piena emergenza coronavirus c’è chi ne approfitta per tentare rapine e furti. I carabinieri hanno sottoposto a fermo due rapinatori marocchini. Uno ha 27 anni, l’altro è minorenne, perché ne ha 17, sono senza fissa dimora. Entrambi devono rispondere all’accusa di rapina aggravata in concorso.

I rapinatori marocchini in Piazzale Tiburtino

Nel pieno del pomeriggio, in piazzale Tiburtino, i due rapinatori marocchini, insieme a un complice che però ha fatto perdere le proprie tracce, si sono avvicinati a un 22enne di origini calabresi. Lo hanno accerchiato e lo hanno minacciato con un coltello. Sono perciò riusciti a sottrargli il denaro che aveva con sé. Poi hanno cercato di fuggire.

La vittima ha indirizzato i carabinieri

La giovane vittima, ha incrociato una pattuglia del Nucleo Radiomobile di Roma, in transito in quel momento. E ha fornito una descrizione dei rapinatori marocchini. Dopo pochi minuti i militari sono riusciti ad individuare i due  malfattori e li hanno bloccati, dopo un breve inseguimento a piedi, terminato in Piazza San Lorenzo. Hanno recuperato parte della refurtiva. Per il 27enne si sono aperte le porte del carcere di Regina Coeli. Il rapinatore minorenne è stato accompagnato presso il Centro di Prima Accoglienza

Per continuare a leggere l'articolo sostienici oppure accedi

SUGERITI DA TABOOLA