Via Giampaolo, dentro Pioli. Ma il Milan resta una squadra senz’anima

mercoledì 9 ottobre 14:45 - di Redazione
Via Giampaolo

Via Giampaolo, dentro Pioli. Il Milan cambia allenatore. Ma la sostanza resta. Quella di una squadra senz’anima e senza grandi giocatori capaci di darle una scossa. Di prenderla per mano. Via Giampaolo che ha fallito, certo. Però gli avevano messo a disposizione un gruppo di giovanotti, senza una strategia, un vero progetto. Ragion per cui sarà dura, durissima per Pioli provare a raddrizzare la baracca. Già accolto dall’astio di una tifoseria delusa. Ivan Gazidis lo sa e mette le mani avanti: “Voglio ringraziare Giampaolo e il suo staff, è un bravissimo mister e gli auguriamo una grande carriera. Questa decisione non è stata presa a cuor leggero ma tutti assieme mettendo il club prima di tutto. Capiamo la frustrazione dei tifosi, ci siamo trovati in difficoltà ma ci riprenderemo”. L’amministratore delegato durante la conferenza stampa di presentazione del nuovo tecnico rossonero, Stefano Pioli, cerca di rincuorare: “Abbiamo cominciato un viaggio. Abbiamo ereditato un club che abbiamo dovuto salvare dalla bancarotta. Stiamo lavorando con grande professionalità e cuore. Abbiamo dovuto affrontare delle difficoltà finanziarie. La nostra è una strada difficile e sarà necessario attendere con pazienza, faremo altri errori e li correggeremo. La volontà della nostra proprietà è quella di investire, come dimostra lo stadio. Vi assicuriamo che siamo determinati affinché il Milan torni ad essere grande e capace di competere in Europa”. “Questo percorso è difficile ma sono certo che prenderemo la strada per farcela. Sono sicuro che i tifosi dalle prossime partite capiranno la qualità dei nostri acquisti”, conclude Gazidis.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza