Etilometro in discoteca. Ecco la nuova intesa per il divertimento sicuro

venerdì 12 luglio 16:14 - di Elena Ricci
Corinaldo, tragedia alla discoteca Lanterna Azzurra: 6 morti per la calca provocata da uno spray urticante

da Elena Ricci riceviamo e volentieri pubblichiamo

Si è tenuto questa mattina presso il Viminale, l’incontro finalizzato alla sigla di un protocollo d’intesa tra il Ministero dell’Interno e i gestori delle discoteche italiane, che traccia il punto sulla sicurezza dei giovani nei locali della Movida, introducendo etilometri all’interno dei locali; vietando la somministrazione di bevande oltre una certa ora e permettendo che queste siano preparate e servite da personale specializzato all’interno dei locali.
All’incontro erano presenti i rappresentanti di categoria, tra cui Giancarlo Banchieri, Presidente di Fiepet Confesercenti; Maurizio Pasca, presidente Silb Confcommercio, e Luciano Zanchi, Presidente Nazionale dell’Associazione Assointrattenimento aderente a Confindustria.

Sicurezza nelle serate di svago

Questo protocollo, come ha sottolineato il Ministro Matteo Salvini, segna l’inizio di un cammino che impegna lo Stato ad essere vicino a chi gestisce il divertimento dei giovani, garantendo loro la sicurezza anche nelle serate di svago. L’obiettivo è quello di contrastare l’abusivismo e dare il bollino blu ai locali del divertimento sicuro.
I locali saranno videosorvegliati, dotati di etilometro per sottoporre a controllo chi, eventualmente, deciderà di mettersi alla guida. Ci saranno controlli per contrastare l’abuso di sostanze stupefacenti e vi saranno barman qualificati che somministreranno le bevande ai maggiorenni seguendo specifici protocolli. Lo Stato contribuirà fiscalmente e con norme adeguate in tal senso.

Controlli antiabusivismo

Per quanto riguarda la questione abusivismo, ci saranno maggiori controlli e sanzioni per le improvvisate feste in stabilimenti non idonei e non destinati alla funzione, come spesso avviene in molte città, con particolare riferimento a quelle balneari e lotta anche alla somministrazione abusiva di alcolici all’esterno dei locali, da parte di coloro che sostano con dei carrelli, pronti a vendere degli alcolici. A tal proposito, sarà eliminato il divieto di somministrazione delle bevande alcoliche, dopo le 3 del mattino.
A tal proposito, il presidente Silb Confcommercio, ha fornito alcuni numeri: in Italia, la somma complessiva spesa in un anno presso le discoteche è pari a 1 miliardo di euro, mentre a Ibiza, solo due tra le più grandi discoteche, registrano una somma pari a 850 milioni di euro. Poco meno dell’Italia nel complesso. L’eliminazione del divieto di somministrazione di bevande dopo una certa ora, dunque, a detta dei rappresentanti di categoria, è un passo in avanti per rilanciare il settore.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

contatore di accessi