Marco Carta, il giudice non convalida l’arresto. Il cantante: non sono stato io a rubare

sabato 1 giugno 16:31 - di Redazione

Il giudice di Milano non ha convalidato l’arresto di Marco Carta e non ha applicato nessuna misura cautelare. E’ quanto riferisce il suo avvocato Simone Ciro Giordano al termine del processo per direttissima che si è svolta in Tribunale a Milano, a porte chiuse, dopo l’arresto ieri per furto aggravato del 34enne alla Rinascente. “E’ stata chiarita la totale estraneità di Marco Carta. Lui è estraneo a qualsiasi addebito. Il fatto è attribuibile ad altri soggetti, lui è totalmente estraneo, è stato acclarato dal giudice. Marco è una bravissima persona”, spiega l’avvocato uscendo dall’aula.

Il cantante uscendo dall’aula del tribunale ha confermato: “Non sono stato io a rubare, per fortuna è andato tutto bene, sono felice di poterlo dire”.  “Adesso vado a casa – ha aggiunto –  sono un po’ scosso, le magliette non ce le ho io, l’hanno visto tutti”. A chi gli chiedeva allora chi le avesse rubate ha replicato: “Non mi va di dirlo, non faccio la spia”. Marco Carta era stato arrestato dalla polizia locale di Milano per furto aggravato insieme a una donna di 53 anni.

Il cantante resta indagato a piede libero per concorso nel furto delle magliette avvenuto alla Rinascente. La prossima udienza del processo per entrambi si terrà a settembre e i vigili urbani stanno acquisendo le immagini e i filmati per indagare su quanto avvenuto esattamente nel negozio. Le magliette sarebbero state nella borsa della donna che era con Carta nel negozio.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Angelina 1 giugno 2019

    Contenta per Marco Carta e per la verità venuta a galla.

  • In evidenza