Torino, nigeriano stacca a morsi il dito di un agente. I poliziotti: «Non ne possiamo più»

martedì 21 Maggio 11:53 - di Milena De Sanctis

Ancora una violenta aggressione a un poliziotto a Torino. Un nigeriano di 23 anni ha staccato a morsi il dito di un agente, perché non voleva farsi fotosegnalare. L’immigrato fermato per un controllo dalla polizia e portato in questura per l’identificazione, ultimate le procedure ha aggredito a morsi l’agente strappandogli la prima falange dell’anulare della mano sinistra. L’uomo era stato fermato dalla squadra volante in zona Mirafiori ed era stato trovato con droga in tasca. Il poliziotto, dopo l’aggressione è stato soccorso e trasportato in ospedale per le cure del caso.

I poliziotti: «Subito il nuovo decreto sicurezza»

Pietro Di Lorenzo del sindacato Sap, come riporta il Corriere della Sera, afferma: «Ennesimo grave episodio che dimostra la pericolosità dei soggetti con cui hanno a che fare quotidianamente i colleghi delle volanti. Soggetti per lo più clandestini privi, di scrupoli e pronti a tutto pur di difendere la loro attività quotidiana: lo spaccio di morte. Queste violenze dimostrano, come più volte denunciato, come non ci sia nessun rispetto dello Stato e delle divise che lo rappresentano. Attendiamo che sia approvato urgentemente il nuovo decreto sicurezza annunciato, in cui paiono comparire misure più adeguate e pene più severe per chi aggredisce gli operatori. Al collega ferito la grande vicinanza e gli auguri di pronta guarigione».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica