Everest “sovraffollata” di scalatori: la foto diventa virale. Ma ecco che cosa si rischia

sabato 25 Maggio 11:47 - di Renato Fratello

La foto della cima dell’Everest affollata da oltre 300 scalatori in fila uno dietro l’altro, postata tre giorni fa su Instagram è diventata virale. L’alpinista italiano Hervé Barmasse ha pubblicato una foto scattata tre giorni prima sulla cima del Monte Everest, che mostra decine di persone in fila. La foto è stata scattata da Lydia Bradey, alpinista neozelandese e prima donna a salire l’Everest senza ossigeno supplementare, in uno dei giorni con più affollamento di sempre per scalare l’Everest. Negli ultimi giorni, infatti, centinaia di partecipanti alle spedizioni commerciali hanno sfruttato la finestra di bel tempo per provare a raggiungere la cima della montagna, ma il rischio è alto.

Everest, sette scalatori morti

Nell’ultima settimana sono ben sette gli scalatori morti proprio a causa di malori dovuti all’altitudine. Il capo dell’ufficio del turismo nepalese Danduraj Ghimire ha definito “senza senso” le voci secondo le quali tra le cause di morte degli scalatori potrebbe esserci il sovraffollamento della cima e i tempi lunghissimi, fino a due ore di coda, per raggiungere la vetta. Tuttavia secondo gli esperti l’ipotesi non è del tutto infondata. A 8.848 ogni respiro contiene un terzo dell’ossigeno rispetto a quello che si trova al livello del mare. Il corpo umano, inoltre, si deteriora più rapidamente e può sopravvivere solo pochi minuti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Everest – L’anno 2018 aveva registrato il record con più salite in una sola stagione pre monsonica. Più di 800 persone in vetta. Mercoledì scorso invece verrà ricordato come il giorno con più affollamento sulla cima del tetto del mondo. Circa 250 persone. La foto rende più delle mie parole. Per ogni persona si calcola circa 8/10 kg di immondizia per sempre abbandonata sulla montagna. Nonostante gli sforzi per ripulirla, la realtà ci propone una sola verità. L’alpinista insegue il proprio ego ed è disposto a sacrificare la montagna per un fatuo successo. Everest – 2018 had registered the record of more ascents in a single pre-monsoon season. More than 800 people at the top. Last Wednesday instead it will be remembered as the most crowded day on top of the roof of the world. About 250 people. The photo speaks more than my words. For each person we calculate about 8/10 kg of rubbish forever abandoned on the mountain. Despite efforts to clean it up, reality offers us only one truth. The mountaineer pursues his ego and is willing to sacrifice the mountain for a fatuous success. #mountain #nepal #everest

Un post condiviso da Hervé Barmasse (@hervebarmasse) in data:

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica