Tra Di Maio e Salvini è derby persino sul 25 aprile: resta una “festa” divisiva (video)

giovedì 11 aprile 15:59 - di Francesco Storace

E questo sarebbe il nuovo? Il cambiamento? Che pena, Luigi Di Maio, che trova la maniera per un altro derby – finto – con Matteo Salvini. Ora addirittura sul 25 aprile. E’ evidente che si è in presenza di una recita collettiva. Oppure il papà non gli ha spiegato bene la storia. E chissà che ne pensa Vittorio Di Battista, padre dell’amico-nemico Alessandro.

Solo commiserazione

Pur di raccattare voti a sinistra, Di Maio si è cimentato in una sparata partigiana a cui non crederà nessuno. Ma è fatto così. E si è fatto intervistare per dirla proprio male: “Io ho ben chiaro da che parte stare il 25 aprile, dalla parte dei nostri partigiani che ci hanno liberato, non dalla parte di chi parla male dei partigiani o di chi vuole dire che il 25 aprile non è stato il giorno della Liberazione”.
La dedichiamo a quanti, da destra, hanno rincorso in questi anni Grillo e i suoi devoti. Perché Giggino il Tapino ignora quante divisioni e lacerazioni quella data rappresenti per chi stava dall’altra parte. Generazioni intere hanno sofferto l’assenza di una volontà di pacificazione nazionale e queste dichiarazioni sono destinate a rinfocolare odio. O commiserazione, se si vede chi l’ha fatta.

Un giovane leader tanto vecchio

E soprattutto fa venire il voltastomaco il motivo per cui ha detto quelle cose. Siccome Salvini – per motivi suoi – ha fatto sapere che il 25 aprile preferisce stare a Corleone “per liberare l’Italia dalla mafia”, Di Maio non ce l’ha fatta a stare zitto. E, come si vede nel video, si è messo davanti ad una selva di microfoni per sparare la sciocchezza del giorno. “Io – ha detto – festeggerò il 25 aprile perché è un giorno importante per la nostra storia. Poi 365 giorni all’anno noi contrastiamo le mafie e la corruzione. Ma quel giorno, importante per la nostra nazione, non ci sono due parti che si combattono“.
Eppure, fior di storici raccontano la guerra civile in Italia e adesso arriva fresco fresco Luigino a raccontarci come andò. Negando valore, esistenza, rispetto ai soldati che stavano dall’altra parte. E’ una vergogna che un giovane leader si mostri tanti vecchio.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza