Altro che inchieste: anche per il 2020 Trump fa tremare i Dem. E Hillary getta la spugna

martedì 5 marzo 14:07 - di Giglilola Bardi

Hillary Clinton ha sciolto la riserva e, mentre ancora c’era chi la dava come papabile candidata anti-Trump, ha fatto sapere che non sarà in campo per le presidenziali Usa del 2020. «Non mi candiderò», ha detto in un’intervista all’emittente News 12. L’ultima batosta, insomma, sembra esserle bastata. E non deve essere un caso se l’annuncio arriva proprio ora: nonostante le inchieste che gli stanno piovendo addosso, Donald Trump si è detto certo che vincerà di nuovo «e con un margine più ampio di quello del 2016».

Trump: «Vincerò anche nel 2020. E meglio del 2016»

Certo, quella del presidente in carica può essere una strategia, un’ostentazione di sicurezza in un momento di difficoltà. Ma i sondaggi delle ultime settimane hanno mostrato una risalita da record, fino a registrare una quindicina di giorni fa un 52% di americani che ne approva l’operato. Si tratta del picco di consenso più alto mai raggiunto da “The Donald” e scalfito di poco dagli ultimi eventi. Niente male per uno che veniva dato per spacciato e che, invece, non solo ha attraversato indenne ma è uscito rinforzato dal fuoco di fila di tutta la “bella gente” a stelle e strisce, dalla corte dei divi di Hollywood ai più glamour Lib del Paese. E che ora assicura: «Vincerò le elezioni anche nel 2020 e con un margine più ampio di quello del 2016».

I democratici richiamano in servizio Barack Obama

Tale è la situazione che il fronte democratico ha richiamato in servizio Barack Obama, mettendolo per ora a selezionare il futuro candidato, ma – secondo le indiscrezioni – non escludendo di poterlo schierare direttamente. O, magari, di schierarlo come potenziale first husband, puntando invece a insediare come titolare della Casa Bianca Michelle. Una cosa, intanto, è certa: su Hillary non si scommette più. Anche se lei non demorde. «Non mi candiderò, ma continuerò a lavorare, a parlare e prendere posizione per ciò in cui credo», ha detto la candidata uscita sconfitta dalle presidenziali 2016, aggiungendo che «voglio essere certa che la gente capisca che continuerò a parlare». «Non vado da nessuna parte», ha quindi assicurato Clinton, aggiungendo che «sto anche pensando molto al modo in cui possiamo ricominciare a parlare tra noi e ad ascoltarci. Siamo diventati così polarizzati, siamo finiti su schieramenti totalmente contrapposti come non mi era mai capitato di vedere nella mia vita».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • ADRIANO AGOSTINI 6 marzo 2019

    I “democratici” le hanno provate tutte per defenestrarlo. Hanno chiesto l’aiuto degli attori, dei cantanti, degli artisti in genere, delle escort, dei giudici, di falsi testimoni: non ci sono riusciti e non ci riusciranno mai. Ora richiamano alle armi Barack Obama: sarà un’altro flop. Come in Italia, quelli di sinistra non hanno capito che il loro tempo è scaduto e che è nata una nuova era; in tutto il mondo.

    • Francesco Storace 6 marzo 2019

      non cambiano mai, a nessuna latitudine

    In evidenza