Ue, attacco alla sovranità dell’Ungheria: Strasburgo condanna Orban

mercoledì 12 settembre 13:56 - di Ezio Miles

Pesante attacco alla sovranità dell’Ungheria. L’Europarlamento, riunito in seduta plenaria a Strasburgo, agita il vessillo del politically correct e condanna la nazione magiara,  colpevole di seguire le direttive del suo leader, Viktor Orban.  Il  capo d’imputazione è di aver violato lo Stato di diritto. L’assemblea ha votato l’attivazione dell’articolo 7 del trattato sulla Ue, una procedura di sanzioni contro i Paesi accusati di violare i principi fondativi del progetto europeo.

Conseguenze pesanti

La  decisione potrebbe portare a conseguenze pesanti, come la  sospensione del diritto di voto di Budapest nel Consiglio Ue. «L’Europa sarà sempre a favore dello Stato di diritto. L’articolo 7 va applicato lì dove lo Stato di diritto è in pericolo», aveva pomposamente detto, poco prima, il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker, in un passaggio del suo discorso sullo stato dell’Unione, pur senza citare direttamente  Orban. La decisione è passata con la  maggioranza dei due terzi: 448 eurodeputati hanno votato a favore, 197 contro, 48 si sono astenuti. La palla  passa ora al Consiglio dì’Europa che, su proposta di un terzo dei Paesi o di una Commissione o del Parlamento europeo, potrà deliberare e rivolgere le raccomandazioni con una maggioranza dei quattro quinti dei suoi membri.

La solidarietà di Salvini a Orban e all’Ungheria

“Il coraggioso discorso di Viktor Orbán al parlamento europeo: ‘L’Ungheria non cederà a questo ricatto e proteggerà i propri confini’. Tutta la mia vicinanza. no alle sanzioni, no a processi a un governo liberamente eletto”. Così su Facebook, Matteo Salvini a Orban e all’Ungheria.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Gio 13 settembre 2018

    il prossimo parlamento europeo dovrà essere a maggioranza anti-UE. E’ tempo che i popoli europei riprendano il controllo dei propri paesi e che mandino definitivamente a casa questa banda di lestofanti burocrati terzomondisti.

  • Andrea 13 settembre 2018

    Poveretti, anche loro devono essere impestati di sinistri personaggi che predicano buonismo a solo scopo di lucro ! …… Grande Orban continua così ! Facciamo saltare questa UE una volta per tutte !

  • Giuseppe Tolu 12 settembre 2018

    Tieni duro Orban, ancora pochi mesi

  • giordano 12 settembre 2018

    Alle prossime elezioni voglio proprio vedere se questo parmamento europeo sarà più per la distruzione delle identità dei popoli e per la creazione di una società meticcia araba e negra.

  • Lorenzo 12 settembre 2018

    Temo che non vi sia un bel niente da fare.
    Coloro che tirano le fila sono potentissimi.
    Consiglio vivamente la lettura di tutti i libri di Hervé Ryssen, reperibili online nel suo sito.
    E per disilludersi circa le “elezioni” e la “politica” in generale “L’illusion politique” di Jacques Ellul.
    Senza disperare.
    Memento Audere Semper.

  • Daniela Enrico 12 settembre 2018

    E ancora continuano a voler rovesciare governi democraticamente eletti, interferendo brutalmente in affari che non gli competono. Assad viene dipinto come un mostro, come hanno fatto con Saddam e con Gheddafi. Vedendo cos’è capitato a quei paesi occorre assolutamente impedire che la stessa cosa accada in Siria. L’UE dei massoni globalisti guerrafondai assetati di sangue fa schifo!

  • Ivan Italico 12 settembre 2018

    Io sto con Orban.
    Anche l’Italia deve rimandare indietro i clandestini e prima di tutti chi spaccia droga e gestisce la prostituzione.
    Prima di rimandarli indietro devono essere sottoposti a pene corporali che sono l’unica cosa che quei criminali sono in grado di capire.

  • In evidenza

    contatore di accessi