Instagram, il social della perfezione che ci rende infelici

lunedì 24 settembre 14:18 - di Alessandro Bovicelli

Riceviamo da Alessandro Bovicelli e volentieri pubblichiamo:

Caro direttore,

Un viaggio strepitoso, un panorama mozzafiato e un selfie impeccabile. In media 4, 2 miliardi di like al giorno. E’ il mondo di Instagram, il social della perfezione che innumerevoli volte decidiamo di aprire sui nostri smartphone per scorrere velocemente foto e video e aggiornarci sulle ultime novità delle persone che abbiamo deciso di seguire. Ma questa ricerca continua della perfezione ci costringe talvolta al raggiungimento di stili di vita impeccabili e ideali in un continuo confronto con gli altri che a livello psicologico può farci male alimentando in noi un senso di inadeguatezza e bassa autostima. Nel 2017 è stato condotto, in Inghilterra, un sondaggio tra i giovani dai 14 ai 24 anni e si è visto come l’utilizzo di Instagram e di altre quattro grandi piattaforme tra cui Facebook contribuisse all’aumento dell’ansia e della depressione dovuti alla paura di non sentirsi all’altezza e di non poter permettersi lo stile di vita osservato sui social.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Francesco Desalvo 26 settembre 2018

    commento al commento delle 19:21 :
    un paio di insulti entro una serie di gruppi di parole in libertà, eloquio tipico di un frequentatore di Facebook e dintorni, incapace di opporre un commento ragionato ad una opinione (non commento!!)
    espressa da Alessandro Bovicelli, che poi è di 10 righe e mezza e non di 20. Almeno sapesse contare!!
    Perché pare che esporre un’opinione diversa da quelle osannanti a facebook e dintorni sia un sacrilegio degno solo di insulti e disistima. Siamo al livello dei 5***** nati appunto dai social.

  • Mauro Garlaschelli 25 settembre 2018

    …Alessandro Bovicelli…scusa se ho sbagliato il Cognome…

  • Mauro Garlaschelli 25 settembre 2018

    …Alessandro Bovoncelli… difficile leggere tante c******* in 20righe di commento… come in tutte le attività…culture…comunicazioni di questo mondo…accellerato da questa SUPERMERAVIGLIA DEI SOCIAL… E’ PER PERSONE VERE… COME E’ SEMPRE STATO DALL’OMO SAPIENS…APPENA 200.000anni !!!… chi nn ha personalità…cioè nn è PERSONA AUTOSUFFICIENTE ED AUTOREFERENZIATA… fa bene a mettersi la coda in mezzo alle gambe e fare pippa… ho 71a… come professione son Agente MODA da 50a… sono su fb su twitter su istagram/purtroppo pochissimo perchè il Lavoro è andato in Crisi dal 2007 e ci massacra… ma GRAZIE AI SOCIAL HO CONOSCIUTO PERSONE SPLENDITE …COME HA CONOSCIUTO NEL MONDO DEL MIO LAVORO… TRA POCO SMETTO LA PROFESSIONE… E FREQUENTERO’ ANCORA DI PIU’ QUESTI SOCIAL… FORZA…FATTI UNA RICEREBRATA E…VAI !!!!!!!!!!!!!…

  • Francesco Desalvo 25 settembre 2018

    Concordo: alla larga da tutte le piattaforme ad iniziare da Facebook!!
    Io cerco di restare un uomo libero leggendo i giornali perché mi permettono di soffermarmi a pensare, e se occorre criticare. Se noleggio un automobile, per prima cosa chiudo la radio perché mi impedisce di pensare per conto mio

  • In evidenza

    contatore di accessi