I diritti dei migranti gay, incredibile tema per un convegno all’università

venerdì 14 settembre 17:10 - di Carmine Crocco

Non bastavano migranti, adesso le istituzioni italiane si dovrebbero preoccupare anche di quelli, tra di essi, che sono gay. All’Università di Verona si terrà infatti il 21 settembre una giornata studio con questo titolo: ”Richiedenti asilo, identità di genere e orientamento sessuale”. Un modo molto generico per dire che si parlerà appunto dei migranti gay. “Con la riprogrammazione di questa giornata di studi – spiega il rettore  Nicola Sartor – annunciata nelle note stampa di maggio scorso, il nostro ateneo conferma la volontà di garantire la libertà di ricerca e di espressione in campo scientifico, sancita dall’articolo 33 della Costituzione Italiana”.

Nessuno mette in dubbio serietà e impegno scientifico dei giuristi dell’università di Verona. Ci chiediamo solo se non sia un po’ esagerato mobilitare per una intera giornata tanta sapienza e tanta intelligenza per un tema che non è certo in cima ai problemi della giustizia italiana. Possibile che non ci siano argomenti più importanti e coinvolgenti per spremere le giuridiche meningi veronesi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Silvano Valenti - Caracas 15 settembre 2018

    Per la morale sovversiva lesbiche e culattieri sono razze elette. Ergo: siano riverite a scorno di chi è maschio o femmina secondo la volontà di Dio.

  • ANARCA 14 settembre 2018

    Un convegno veramente interessante!
    Ahahahahah!

  • Vini 14 settembre 2018

    Ma andate a fa n…….o
    Dove siamo ridotti.

  • Laura Prosperini 14 settembre 2018

    Gli omosessuali stessi, se colti e seri
    dovrebbero indignarsi!!!
    Ben altri sono i problemi dell’Italia ma anche del Mondo in generale
    che squallore questo rapace turpe soros (& C:) senza alcuna morale…

  • In evidenza

    contatore di accessi