Taranto, guineiano tenta di violentare una ragazza per strada: arrestato

martedì 24 aprile 18:31 - di Redazione

Nel primo pomeriggio di oggi, agenti della Sezione Volanti della Questura di Taranto hanno arrestato un 21enne cittadino della Nuova Guinea per violenza sessuale, minacce, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Intorno alle due di questo pomeriggio, i poliziotti sono intervenuti in via Falanto dove poco prima era stata segnalata l’aggressione di un cittadino extracomunitario a una giovane donna. Giunti sul posto gli agenti hanno notato subito che alcuni cittadini, con non poche difficoltà stavano tentando di bloccare il giovane africano, per consentire alla vittima di allontanarsi a bordo di un ciclomotore condotto dal padre, che nel frattempo, contattato telefonicamente dalla figlia, era giunto in suo aiuto. Alla vista dei poliziotti l’aggressore; pur non esitando a sottrarsi con violenza, è stato immobilizzato e condotto negli uffici della Questura, dove, poco dopo, è giunta anche la giovane vittima accompagnata dai propri genitori. Qui la ragazza, ancora dolorante a una mano ed in evidente stato di shock per l’aggressione subita, è riuscita a raccontare ai poliziotti che mentre camminava in via Falanto è stata avvicinata dal giovane africano ed intuendo le sue cattive intenzioni ha immediatamente telefonato al padre.  Nel frattempo il giovane è passato alle vie di fatto palpeggiandola.La giovane è stata poi accompagnata con l’ausilio del personale del 118 al pronto soccorso del Santissima Annunziata per tutti gli accertamenti clinici del caso. Nel corso dell’identificazione, negli uffici della Questura, il cittadino africano nel cercare di divincolarsi, ha provocato ad uno dei  poliziotti lievi lesioni guaribili in pochi giorni.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Renato Francione 25 aprile 2018

    Occorre regole e rigore. Chi sbaglia deve pagare e subito. Abbiamo fatto entrare migliaia di maschi arrapati e poi ci lamentiamo delle loro voglie.

  • In evidenza