Nicaragua, 25 morti negli scontri. Ora Ortega si dice pronto a trattare

domenica 22 aprile 12:28 - di Paolo Lami

In Nicaragua si apre, forse, uno spiraglio. Ma ci sono voluti 25 morti, le ultime venticinque vittime di uno scontro sociale che sta dilaniando il paese, per indurre il dittatore Daniel Ortega a trattare. O almeno così dice.

Il presidente del Nicaragua ha fatto sapere che il suo governo sarebbe pronto ad avviare negoziatiper intervenire sulla riforma del sistema pensionistico nazionale che ha scatenato violenti scontri nel Paese provocando la morte, secondo le ultime stime, da mercoledì scorso,  di almeno 25 persone, incluso un giornalista.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

In evidenza