Su Trump ne hanno inventata un’altra: vogliono che nomini ministri “poveri”

giovedì 22 giugno 11:28 - di Redazione

Ma quando mai per diventare ministro dell’Economia bisogna essere sul lastrico? Il presidente americano Donald Trump ha difeso dagli ennesimi attacchi dei detrattori e dei media statunitensi la sua scelta di collocare persone facoltose nei ruoli di responsabilità sui dossier economici. «Il modo di pensare di una persona con questa caratteristica – ha spiegato l’inquilino della Casa Bianca – è proprio quello che voglio, perché (i ricchi, ndr) rappresentano il paese». E ancora: «Amo tutti, ricchi o poveri, ma per questi incarichi particolari non voglio una persona povera. Non è comprensibile?», ha detto Trump, in un discorso pronunciato nello stato dell’Iowa. Il riferimento è alla nomina di Gary Cohn come suo consigliere economico, definito “brillante” come presidente di Goldman Sachs. «Cohn – ha aggiunto – ha accettato di passare da introiti massicci a noccioline. Voglio vedere sera  lo accusano di voler guadagnare così poco». Poi parlando poi del segretario al commercio Wilbur Ross, il presidente Usa ha precisato che i milionari come lui «non perseguono il denaro e per assumere incarichi come il suo hanno dovuto rinunciare a molto».

La lezioncina di Macron a Trump

Trump del resto non è nuovo ad attacchi ad alzo zero da tutti i fronti. L’ultimo è la lezioncina impartita da Emmanuel Macron: «Donald Trump è colui che è stato eletto dal popolo americano. La difficoltà è che allo stato attuale non ha ancora elaborato il quadro concettuale della sua politica internazionale», ha detto il capo dell’Eliseo intervistato dal Corriere della Sera.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica