Ecco le 5 spese più “pazze” dei consiglieri dell’Emilia Romagna

martedì 11 Novembre 10:19 - di

La miccia si è accesa a settembre di due anni fa, quando le spese dei Consigli regionali di tutta Italia sono finite nel mirino delle Procure. L’esplosione in Emilia-Romagna è arrivata dopo le altre ed è risuonata amplificata dalla vicinanza dalle elezioni regionali, in programma il 23 novembre. Gli avvisi di fine indagine per peculato riguardano 41 consiglieri su 50, e un’impiegata, e non risparmiano nessun gruppo. Sono 12 gli indagati ricandidati, ma l’esito dell’inchiesta, che contesta complessivamente spese per oltre due milioni, nell’anno e mezzo setacciato dalla Gdf, è una cifra che quantomeno alzerà l’attenzione sulla campagna elettorale per una consultazione che molti temono a bassa affluenza. Dopo il Pd è l’Idv il gruppo con la cifra più alta: 423.000 euro, due consiglieri indagati. Sono 11 gli indagati del Pdl (205.000 euro), tre della Lega Nord (135.000), due del M5S (98.000), due di Sel-Verdi (77.000 euro), uno del gruppo Misto (27.000 euro), uno di Fds (151.000 euro), uno dell’Udc (31.000 euro). Secondo i capigruppo, due terzi delle spese sono riferite a contratti con il personale.

Le 5 spese più “pazze”

1) Roberto Sconciaforni (Federazione della Sinistra) avrebbe speso 120mila euro (su 150mila) per consulenze e collaborazioni.

2) Thomas Casadei (Pd) si sarebbe fatto rimborsare gli scontrini per il Wc pubblico da 50 centesimi, oltre alle spese per viaggi dalla Romagna a Modena, dove insegna, viaggi che sarebbero stati legati non ad appuntamenti politici ma, appunto, ad impegni di docenza.

3) Matteo Riva (gruppo Misto) ha a suo carico la spesa del soggiorno per un presunto convegno fantasma a Lampedusa (“Lampedusa porta dell’Emilia-Romagna”) in compagnia di una collaboratrice (che è la 42/a indagata).

4) Una consigliera del Pd, Rita Moriconi, risulta indagata per la ricevuta da 80 euro relativa ad un acquisto in un sexy shop. Interpellata in merito, lei ha negato categoricamente: «Non sono mai entrata in un sexy shop nella mia vita».

5) Marco Travaglio e il sindaco di Napoli Luigi De Magistris sarebbero stati accolti in Emilia, su iniziativa dell’Idv, con auto pagate (a loro insaputa) non dal partito ma dalla Regione Emilia Romagna.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *