Molise, problemi per il candidato M5S: lo zio acquisito era un killer di camorra

mercoledì 4 aprile 15:35 - DI Redazione

Il caso Sergio Bianchi, killer di camorra, imbarazza il M5S. E soprattutto Andrea Greco, 33 anni di Agnone (Isernia),  candidato presidente in Molise del partito di Di Maio. Di Greco, che negli ultimi anni è stato consulente del gruppo regionale grillino, si discute però, e anche animatamente, sui social e nelle tv locali in merito ai suoi legami familiari. Lo zio acquisito di Andrea Greco infatti è questo Sergio Bianchi, killer della camorra, il cui nome ricorre nella cronaca nera di decine, forse centinaia, di omicidi, tra la Calabria e la Campania. Mandato al confino in Molise, ad Agnone, Bianchi ha poi sposato la sorella del padre di Greco, Giuseppina. Sergio Bianchi morì in uno scontro a fuoco con la Polizia.

Raccontano inoltre le cronache locali che il papà di Greco sarebbe stato coinvolto in uno scontro a fuoco durante un’irruzione delle forze dell’ordine in casa, poiché accusato di nascondere il latitante. La vicenda criminale che riguarda i padri – teniamo a precisare – non si ripercuote sui figli e fino a prova contraria nulla ha a che vedere con il profilo di Andrea Greco. È certo però che la vicenda  sta diventando oggetto di commenti e soprattutto di richiesta di chiarimenti all’interessato.

Il direttore di Trip, Federico Mandato, nel corso della trasmissione Verità  gli ha chiesto di fare luce sui suoi rapporti parentali e – apprendiamo dal resoconto del Quotidiano del Molise del 25 marzo scorso – che Greco ha cercato di sgonfiare le vicende che vedono coinvolti i suoi familiari, presentandoli  come episodi poco significativi e ventilando l’ipotesi di errori giudiziari. Diciamo che, chiamato a chiarire, Greco ha fornito dati e ricostruzioni un po’ traballanti. La “morale” grillina si trova alle prese con una vicenda imbarazzante che non potrà non coinvolgere il movimento: come reagiranno i vertici del M5S? Per noi, da sempre garantisti con tutti, le colpe dei padri non possono e non devono ricadere sui figli. Ci limitiamo a una considerazione. Saremmo curiosi di sapere, se un caso analogo si fosse verificato a carico di un candidato governatore di Forza Italia e di Fratelli d’Italia, cosa avrebbero  detto i Cinquestelle. Domanda retorica. Sergio Bianchi – le cronache  i quotidiano lo attestano – divenne un super ricercato, “capozona” ad Arzano (Na) della consorteria mafiosa denominata Nco (Nuova Camorra organizzata)  del super boss Raffaele Cutolo, come ha recentemente confermato Pasquale Scotti, braccio destro di Cutolo, all’indomani del suo arresto in Brasile dopo decenni di latitanza.

Ritornando ad  Andrea Greco, incuriosisce il fatto che il candidato governatore del Molise  dei 5 Stelle, inizialmente doveva essere Vincenzo Musacchio, impegnato in battaglie per la legalità. Musacchio è stato escluso dalle consultazioni online dei grillini per “colpa” della pubblicazione di un articolo del 2017 che avrebbe violato il codice etico interno del partito. Le regionarie sono state vinte da Greco con poco più di 212 voti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • c1801laura@yahoo.it 5 aprile 2018

    La responsabilità penale è personale, ovviamente. Nessuno può essere chiamato a rispondere degli eventuali reati del padre e, ancor meno, dello zio acquisito. Rimane aperta una questione di opportunità politica e quella di etica personale: non rubare (essere quindi “onesti”) ma vivere nella ricchezza procurata dal furto somiglia tanto alla ricettazione, no? Da questo punto di vista direi che ci si può rassicurare: di cutoliani ricchi in giro non ce ne sono più

  • minorizzo@tiscali.it 4 aprile 2018

    Cosa centra uno zio addirittura acquisito (anche se poi si precisa che le colpe dei padri ecc.ecc.)puro pettegolezzo mentre non si dice niente, anzi si è addirittura solidali con colui che ha riempito il parlamento di ladri e di puxxane e condannato in via definitiva, pretende addirittura la candidatura alla guida di questo mio martoriato paese.IL sottoscritto, che non ha mai rinnegato il DUCE per questo stato di cose prova un certo ribrezzo.

  • fusix@hotmail.it 4 aprile 2018

    Riservato

  • fusix@hotmail.it 4 aprile 2018

    Ho altre notizie su greco Andrea del movimento cinque stelle.Suo zio effettivo è un pregiudicato.!