Ultimo oltraggio ad Amatrice: il governo fa pagare la tassa sulle macerie

Per i parenti delle vittime del terremoto del Centro Italia arriva l’ultimo oltraggio. Costretti a pagare la tassa di successione anche sulle macerie. Clamoroso il caso degli abitanti di Amatrice, come rivela un articolo del Fatto quotidiano. «Decine di parenti delle vittime del terremoto saranno costrette a pagare l’imposta di successione, una tassa alla quale dovrà aggiungersi probabilmente anche il costo per smaltire le macerie “ereditate”. «L’errore, cui bisognerà provare a porre rimedio entro i prossimi 2 mesi, è stato commesso dal governo, che nella manovra correttiva non ha previsto l’auspicata esenzione». Il quotidiano di Marco Travaglio è costretto a riconoscere, in un articolo a firma di Vincenzo Bisbiglia, che «il provvedimento che invece era stato preso nel 2009, all’indomani del terremoto de L’Aquila, dall’esecutivo guidato da Silvio Berlusconi e che i familiari delle vittime attendevano quasi in maniera automatica».

E il giornale di Travaglio suggerisce: “Su Amatrice Gentiloni imiti Berlusconi sull’Aquila”

Clamoroso, che a distanza di tempo, il giornale di riferimento degli antiberlusconiani duri e puri, riconosca che il centrodestra abbia saputo gestire l’emergenza, a differenza dei governi Renzi e Gentiloni. Fa sorridere amaramente, dunque, rileggere quanto dichiaravano gli esponenti del centrosinistra. Il sottosegretario al Mef con delega al Terremoto Paola De Micheli aveva annunciato trionfalmente la riduzione di Irpef, quella dell’Irap, il taglio delle tasse sugli immobili e le decontribuzioni sui lavoratori nelle zone terremotate. Peccato che si sia persa sul dato più concreto e immediato. Comprensibile, dunque, l’ira del sindaco Sergio Pirozzi e degli abitanti di Amatrice. Continua dunque la presa in giro dei cittadini dei comuni terremotati

Ad Amatrice c’è chi dovrà pagare cinquemila euro per ereditare le macerie

Le testimonianze raccolte dal Fatto sono incredibili. «Mio zio, che non aveva figli – denuncia Gianluca – è morto schiacciato dalle macerie della sua abitazione in centro storico ad Amatrice; l’erede diretto è mio padre e abbiamo calcolato che la tassa di successione ci costerà circa cinquemila euro». L’alternativa? Non accettare l’eredità, cosa che vorrebbe fare Francesca: “Non ho alcuna intenzione di pagare per delle rovine, oltretutto dopo aver perso i miei genitori”. Un’eventualità alla quale non è pronto Riccardo: “Anche se io sono nato a Roma – ammette – Amatrice fa parte della storia della nostra famiglia, siamo legati visceralmente a quella terra. Siamo pronti a sostenere dei costi per ricostruire, per non far morire le nostre radici, ma il governo per lo meno non ci complichi la vita». Ma pretendere questo da un governo di sinistra, abituato a trattare gli italiani come sudditi, sarebbe impensabile.