Legittima difesa, affondo di Berlusconi: «Il Pd mostra tutti i suoi limiti»

«Proprio su questi argomenti il governo del Pd dimostra tutti i suoi limiti». Silvio Berlusconi interviene sul tema della legittima difesa. Lo fa con una lettera inviata a un sindacato di polizia, nella quale sottolinea che la legge approvata alla Camera «è emblematica» dell’inadeguatezza del centrosinistra su temi come quello della sicurezza. 

La lettera di Berlusconi alla polizia

«Pur facendo registrare qualche passo avanti grazie all’impegno di Forza Italia, che ha fatto approvare alcuni emendamenti migliorativi», la legge, scrive Berlusconi, «non risponde alle paure e alle attese degli italiani, non tutela chi, essendo vittima, è stato costretto a difendersi, come ha potuto e come ha saputo». Nella lettera inviata al sindacato Les, in Calabria, il leader di Forza Italia sottolinea anche come «d’altronde quando un aggressore entra in casa lo Stato ha già fallito». «Non vogliamo certo il far west della giustizia fai da te, ma – scrive ancora Berlusconi – vogliamo un controllo del territorio efficiente, in grado di conoscere i fenomeni criminali e di impedirli prima che vengano messi in atto».

«Il governo non sa dare risposte agli italiani»

«Questo governo non ha la forza né la capacità di intraprendere azioni chiare e risolutive», sottolinea ancora Berlusconi, aggiungendo che «l’azione politica della sinistra ha semmai favorito l’ingente arrivo di immigrati, che sono andati ad alimentare quel sentimento di insicurezza che ormai pervade il Paese». «Da parte mia – è la conclusione della lettera di Berlusconi – sarò sempre al fianco dei cittadini per bene, a fianco delle donne e degli uomini in divisa che vegliano sulla nostra sicurezza, sull’ordine pubblico, sulla legalità».