Bando del Quirinale: 577 candidati, vince la figlia dell’ex vicesegretario

«Un nuovo gesto di trasparenza da parte del Quirinale», sotto la guida del presidente Mattarella. Con un comunicato pieno di buoni propositi la Presidenza della Repubblica 5 mesi fa aveva lanciato la selezione per la nomina del nuovo Direttore di Castelporziano, splendida tenuta nella macchia mediterranea nel cuore di Ostia. Il bando era stato pubblicato sul sito del Quirinale. Addio, finalmente, alle prassi da prima Repubblica delle chiamate dirette. Addio pure ai bandi di concorso pubblicati sulla Gazzetta ufficiale a Ferragosto e con scadenze più brevi di uno yogurt.

La vincitrice è figlia dell’ex vicesegretario del Quirinale

Stavolta il bando era davvero aperto a tutti i meritevoli. La trasparenza (e il compenso da 125mila euro l’anno) hanno invogliato ben 577 persone, in tutta Italia, a proporre la propria candidatura. A distanza di 150 giorni, dopo una lunga selezione è stato ufficializzato il nome del vincitore. Anzi, della vincitrice. È Giulia Bonella, 44 anni, laurea in Scienze Forestali, un curriculum importante e prestigioso. La dottoressa Bonella è figlia di Melina Decaro, a lungo vicesegretario del Quirinale, definita la “guardia rosa” di Carlo Azeglio CiampiAlcuni candidati più mal fidati degli altri hanno però ipotizzato qualche favoritismo nella scelta.

Pronto più di un ricorso contro la selezione del Quirinale

Quelli del Fatto quotidiano sono andati oltre e hanno scoperto che l’Aidap (Associazione  italiana direttori e funzionari aree protette) sta preparando una lettera di protesta al presidente Sergio Mattarella. E tra chi presenterà ricorso c’è lo stesso presidente dell’Aidap, Andrea Gennari, il quale ha partecipato alla selezione e non l’ha superata: non è arrivato neppure al colloquio. «Mi pare evidente – lamenta Gennari – la sproporzione tra i titoli e le esperienze di molti professionisti e quelli della nuova direttrice. Il punto non sono i suoi ascendenti familiari, ma che la selezione sia stata fatta nel rispetto dei requisiti del bando». Insomma, per gli altri concorrenti a quel posto, la vincitrice non avrebbe i necessari requisiti e la sufficiente esperienza. «Non posso dire che sia stata una farsa – rincara il direttore del parco nazionale Foreste casentinesi, Giorgio Boscagli –  ma ho letto il curriculum della professionista scelta e non fatico ad ammettere che altri erano assolutamente preponderanti».

giulia-bonella

La vincitrice del bando del Quirinale, nel 2012 sognava “la vita in campagna”

Giulia Bonella, che nel 2006 era tra i consulenti del governo Prodi per una collaborazione de 25mila euro con il ministero dell’Ambiente, nel 2012 rilasciò un’intervista ad Affari italiani dove raccontò la sua decisione di farla finita con i lavori tradizionali e di occuparsi di una sana vita in campagna. «Una giovane donna che abbandona un lavoro “sicuro” nella Capitale per ritirarsi in campagna ad allevare cavalli», si legge nell’articolo. L’intervista aveva il titolo: “Macché carriera, meglio i cavalli. La crisi si combatte così”. Ma con un posto al Quirinale, la crisi si combatte anche meglio.