Sulla Svezia “islamizzata” Trump aveva ragione. Lo dice anche La Stampa

«Dopo che Donald Trump ha parlato della Svezia come di un Paese ormai nelle mani dell’Islam, arrivano reporter da ogni parte del pianeta». Lo dice l’inviato de La Stampa, che è andato a verificare quella che era stata bollata come fake news da molti mezzi d’informazione. La realtà delle cose? Andrea Malaguti, partito da Torino per smontare le tesi “xenofobe”, alla fine del reportage è costretto a riconoscere, tra le righe, che il presidente americano è informato sulla Svezia meglio di molti giornalisti nostrani.

Sulla Svezia costretti a dare ragione a Trump

Il reportage di Malaguti da Malmoe registra una realtà drammatica. In alcune zone è impossibile (se non sei un immigrato) girare senza essere molestato, intimidito o aggredito. L’inviato del quotidiano torinese racconta di essersela vista brutta: due uomini di origini eritree lo affrontano a brutto muso perché sta scattando foto per strada in una delle principali piazze cittadine (davanti al City Grosse Center). A salvare Malaguti è una signora svedese, che dipinge una città in stato d’assedio: «Sono eritrei, rifugiati. Disoccupati. Vivono qui e pensano che questo posto sia loro. Presidiano il territorio. Odiano i giornalisti e chiunque scatti fotografie». Malaguti cita quindi un popolare blogger britannico, che rincara la dose. «Il governo e la stampa di sinistra vi raccontano balle. Dicono che il problema immigrazione non esiste. Invece è lì. Grosso come una casa». Il giornalista de La Stampa liquida il blogger in questione (Paul Joseph Watson) come “di estrema destra”, come a minimizzarne la portata della sua denuncia. Ma i fatti contano più di ogni sofisma.

“In alcune città della Svezia, la sera meglio restare a casa”

Il reportage dell’inviato de La Stampa è un viaggio all’inferno. «Il capo della polizia, Stefan Sinteus, ha inviato una lettera aperta alla città. “Aiutateci, perché da soli non ce la facciamo più”. La sera è meglio restare a casa. A Malmoe le violenze sessuali nel 2016 sono state 6700 (oltre 10 mila le molestie), contro le 5920 dell’anno precedente. La maggior parte delle vittime sono donne con un’età compresa tra i 16 e i 24 anni».

“Certe zone della Svezia come le città in mano alla mafia”

Quartiere simbolo della Malmoe islamizzata è Rosengard, dove è nato il calciatore Zlatan Ibrahimovic. Su 25mila abitanti l’86% è di origine straniera. Un vero e proprio quartiere ghetto. Malaguti spiega bene che cosa si prova: “Vengono in mente certe piazze in mano alla camorra, che controllano la zona affinché nessuno disturbi gli affari”. Ma contro la camorra e le mafie la condanna è unanime. Contro i padroni dei ghetti svedesi si preferisce essere omertosi per non sembrare xenofobi. Il messaggio della maggior parte dei media è chiaro: il pericolo non è rappresentato da chi stupra e uccide, ma da chi (come Trump in America Meloni e Salvini in Italia) ha denunciato il problema.