Porte girevoli in Forza Italia. C’è chi va via e chi ritorna, come Nunzia De Girolamo

Parlamentari che vanno, parlamentari che vengono. La porta girevole di Forza Italia non si ferma un attimo. Per un Verdini e un Fitto che abbandonano la “casa del padre”, in cerca di altri lidi e nuove avventure, c’è, al contrario, chi imbocca la strada del ritorno, dopo aver trascorso esperienze di governo al servizio di Renzi.  “Ho deciso di lasciare il gruppo di Ap (Ncd-Udc) e di aderire a quello di Fi”. E’ l’annuncio tutt’altro che inatteso di Nunzia De Girolamo. L’ex ministro lo ha comunicato alla Presidente della Camera Laura Boldrini.“La mia scelta è stata assunta sulla base della mia contrarietà alla linea politica del partito” che in origine doveva essere “lo strumento per la ricomposizione di un centrodestra moderno in chiave europea””. “Invece l’esperienza di governo a tempo determinato in alleanza con una forza politica a noi diametralmente alternativa come il Pd, a mio avviso, si sta prolungando oltre il progetto originario”.

De Girolamo: Il progetto di Alfano è fallito. Il centrodestra va ricostruito

“Pertanto – prosegue De Girolamo – ritengo incompatibile con i miei valori portare avanti questa esperienza all’interno di Ncd e, dopo una serie di colloqui con il presidente Silvio Berlusconi, ho deciso di tornare in Forza Italia. ‎Con il preciso obiettivo e la volontà di contribuire al rilancio della ricomposizione del centrodestra. Di questo voglio ringraziare il presidente Berlusconi che ha dimostrato grande comprensione e fiducia per il mio cammino invitandomi a rientrare nel partito nel quale sono nata. Lavorerò nell’interesse del Paese e con l’osservanza dell’organizzazione del partito e del gruppo, mettendomi subito a disposizione del Presidente del gruppo Renato Brunetta che ha accolto con soddisfazione la mia scelta. Insieme a lui ho in programma una conferenza stampa la prossima settimana”. “Desidero ringraziare tutti militanti e le organizzazioni territoriali di Ap-Ncd che mi hanno sempre dimostrato affetto, sostegno e simpatia e rivolgo un saluto a tutti i dirigenti del partito con i quali ho lavorato. Avverto – conclude De Girolamo – l’emozione di tornare a casa e con questo sentimento, oltre che con il massimo rispetto e umiltà, mi accingo a lavorare per Forza Italia”.