Ita Airways, Msc si sfila: «Non più interessati alla privatizzazione della compagnia»

21 Nov 2022 21:12 - di Redazione
Ita Airways

Il Gruppo italo-svizzero Msc-Group, leader mondiale nel settore del trasporto merci e passeggero, non è più interessato «a partecipare alla privatizzazione di Ita Airways, non ravvisandone le condizioni nell’attuale procedura». Lo afferma l’azienda in una nota, aggiungendo di «aver già informato le autorità competenti» della sua decisione. Ancora un colpo di scena, dunque, nella complessa vicenda della privatizzazione dell’ex-Alitalia. Come si ricorderà, ad agosto scorso sembrava che la partita della privatizzazione fosse stata chiusa con l’aggiudicazione di Ita Airways in favore della cordata composta dal fondo americano Certares e dalla compagnie Air France-Kim e Delta uscita vincitrice dal duello con la cordata concorrente.

Msc era in cordata con Lufthansa

Quest’ultima era appunto quella formata da Msc e da Lufthansa, data favorita nei primi tempi della trattativa. A frenare in quell’occasione la cordata italo-tedesca furono gli ostacoli emersi nel corso del confronto con il Tesoro sugli esuberi del personale. A seguito di questa nuova situazione, il governo italiano (era ancora quello presieduto da Draghi) avviò un negoziato in esclusiva con il consorzio guidato da Certares che di fatto le assegnava una posizioni di preminenza nella trattativa per la vendita del 50 per cento più un’azione della newco. Il Mef, tuttavia, si riservò una via di uscita.

Per il futuro di Ita Airways la partita si complica

«Alla conclusione del negoziato in esclusiva – precisò infatti il ministero guidato da Daniele Franco -, si procederà alla sottoscrizione di accordi vincolanti, solo in presenza di contenuti pienamente soddisfacenti per l’azionista pubblico». Ma non è finita: il governo nato dalle elezioni del 25 settembre ribalta ancora lo scenario. All’inizio di novembre il ministro Giorgetti riapre infatti la partita non prorogando la trattativa in esclusiva con Certares. La decisione riapre le porte alla cordata Msc-Lufthansa. I tedeschi danno sapere di restare «interessati a una vera privatizzazione della compagnia aerea».  Ora, invece, il comunicato di Msc lancia sulla vicenda Ita Airways un altro secchio di acqua gelida. Ancor di più se si considera che in questa complicata contrapposizione di cordate internazionali il gigante delle crociere rappresentava l’unico spicchio di italianità.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA