Uganda, il presidente licenzia il figlio: troppi tweet folli, dalla proposta a Meloni alle minacce al Kenya

5 Ott 2022 20:35 - di Agnese Russo
uganda

Alla fine s’è scocciato anche il padre, il presidente dell’Uganda, Yoweri Museveni. Il capo di Stato ha deciso di licenziare il figlio, il generale Muhoozi Kainerugaba, comandante delle truppe di terra, appena promosso a quattro stelle, dopo l’ennesimo tweet fuori luogo. A decretare che la misura era colma è stato, in particolare, un cinguettio nel quale il “generale che twitta”, com’è stato soprannominato il figlio del presidente, ha di fatto minacciato di invasione il vicino Kenya, annunciando che era sua intenzione conquistare Nairobi.

La folle proposta di matrimonio a Meloni

Muhoozi Kainerugaba nei giorni scorsi era balzato anche agli onori delle cronache italiane per un folle tweet nel quale si proponeva come sposo a Giorgia Meloni, dicendosi pronto a offrire per la sua mano «immediatamente 100 mucche Nkore, le più belle sulla Terra». Il tweet era corredato da tanto di foto della leader di FdI.

Le minacce al Kenya del generale e figlio del presidente dell’Uganda

Ma se questo post, per quanto rivolto alla potenziale capo del governo di un altro Paese, poteva essere classificato in fin dei conti come la trovata di un buontempone in vena di uno scherzo di troppo, molto più scivolose sono state altre uscite. Nei mesi scorsi, per esempio, Muhoozi Kainerugaba, ha espresso il suo sostegno ai ribelli del Tigray che combattono contro le truppe etiopi e ha affermato che tutti gli africani sostengono la Russia nella sua guerra in Ucraina. Fino al tweet di due giorni fa: «Non ci vorrebbero due settimane, per me e il mio esercito, per catturare Nairobi». Troppo per il presidente, che, per quanto padre, alla fine lo ha destituito, anche se lo manterrà come suo consigliere personale. Ciononostante sono in molti a credere che sia destinato a succedere a Museveni, al potere dal 1986.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA