Milano, marocchino rapinatore seriale di orologi non può essere arrestato: ha solo 12 anni

15 Ott 2022 9:12 - di Mia Fenice
Milano

Nell’ultimo mese ha compiuto a Milano sei colpi tra furti e scippi. Il soggetto in questione è un ragazzino di appena dodici anni di origini marocchine. A raccontare la vicenda è Il Giornale. I carabinieri pur fermandolo lo avevano sempre dovuto lasciare andare perché minore di quattordici anni e quindi non imputabile. E lui non aveva mai mollato la sua attività illegale.

Milano, ha compiuto sei colpi tra furti e scippi

Lunedì, scrive il quotidiano milanese, era stato bloccato nella centralissima via Manzoni dopo che, con un complice, aveva aggredito un turista americano per scippargli il Rolex Daytona da 27mila euro? E  giovedì pomeriggio a corso Buenos Aires, è stato nuovamente fermato dai carabinieri del Nucleo Radiomobile pochi minuti dopo aver rapinato una 21enne della catenina doro. Un’amica coetanea della vittima, infatti, dopo la rapina, lo ha inseguito in una traversa del corso chiedendo aiuto ai passanti; due di loro sono riusciti a fermarlo. Lui si dimenava e scalciava sperando così di poter fuggire. Nel tentativo di liberarsi ha dato testate, calci e anche morsi. A quel punto è intervenuta una pattuglia dell’Arma in transito.

Milano, il racconto del ragazzino

Arrivato in caserma il ragazzino, scrive ancora il quotidiano, ha iniziato ad accusare malori, sostenendo disperato di avere la scabbia e problemi di dipendenza da droga, simulando pianti e giustificandosi raccontando di essere arrivato in Italia dopo essere sbarcato da una delle tante «imbarcazioni della speranza» come minore non accompagnato.

In ospedale è tenuto sott’osservazione

A quel punto il ragazzino dodicenne è stato portato in ospedale dov’ è tenuto sotto osservazione per accertamenti: è stato accertato che soffre davvero di scabbia. Lunedì il minorenne, dopo lo scippo del Rolex al turista americano, era stato segnalato alla Procura e accompagnato in una comunità per minori a Genova dalla quale, però, era scappato.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA