Meloni: «Sarà il governo più politico di sempre. Nessuno si illuda: non cambiamo idee e obiettivi»

11 Ott 2022 20:33 - di Federica Parbuoni
meloni governo

«I governi sono politici quando hanno un mandato popolare, una guida politica, una maggioranza nata nelle urne e non nel palazzo, un programma e una visione chiari». A ribadirlo è stata Giorgia Meloni, al termine di un’altra giornata trascorsa a Montecitorio, al lavoro sui dossier più urgenti per l’Italia che il prossimo governo dovrà affrontare da subito, dal caro bollette all’approvvigionamento energetico, passando per la legge di bilancio. La leader di FdI, è poi emerso da fonti del Mef, oggi ha incontrato anche il ministro dell’Economia uscente, Daniele Franco, per un confronto in vista del prossimo passaggio di consegne, all’insegna della «normale collaborazione istituzionale».

Meloni: «Nessuno si illuda, non cambiamo idee e obiettivi»

«Proprio per realizzare quella visione e quel programma coinvolgeremo le persone più adatte: nessuno si illuda che cambieremo idee e obiettivi rispetto a quelli per i quali siamo stati votati. Il nostro sarà il governo più politico di sempre», ha avvertito Meloni, mentre continua a impazzare il toto-ministri, sebbene nulla trapeli dai partiti del centrodestra.

Centrodestra al lavoro sulle presidenze delle Camere

Oggi, piuttosto, l’attenzione è scivolata sul tema della presidenza del Senato, con il capogruppo della Lega alla Camera uscente, Riccardo Molinari, che ha detto ai cronisti che «stiamo lavorando per Roberto Calderoli». Lo stesso Molinari, però, secondo quanto trapelato sulla stampa, sarebbe considerato papabile per la presidenza della Camera. Fonti di Fratelli d’Italia, citate dall’agenzia di stampa Adnkronos, avrebbero però confermato che per il partito il nome per Palazzo Madama resta quello di Ignazio La Russa, la cui candidatura oggi si sarebbe ulteriormente rafforzata.

Lupi: «Si va verso il Senato a FdI e la Camera alla Lega»

Che il tema sia sul tavolo lo ha confermato Maurizio Lupi, che oggi è stato avvistato a via della Scrofa insieme ai centristi Lorenzo Cesa e Antonio De Poli. Presenti in sede per FdI, secondo quanto emerso, Ignazio La Russa e Francesco Lollobrigida e per la Lega lo stesso Roberto Calderoli, mentre per Forza Italia si è parlato di Licia Ronzulli e Alberto Barachini. «Si va verso la presidenza del Senato a FdI e la Camera alla Lega. Ignazio La Russa è stato vicepresidente del Senato ed è stato bravissimo», ha detto il capo politico di Noi Moderati, nel corso della puntata di Porta a Porta, in onda stasera su Rai 1.

Salvini vede Berlusconi. La Lega: «È in costante contatto con gli alleati»

A chiarire che nel centrodestra si lavora con unità d’intenti è stata poi una nota della Lega. Nel comunicato si legge che Matteo Salvini, che oggi ha incontrato Silvio Berlusconi a Villa Grande, senza poi lasciare direttamente dichiarazioni, «è in costante contatto con gli alleati: la Lega non ha pretese né preclusioni, lavora per un’intesa soddisfacente nel centrodestra e conferma di avere le idee chiare sulla propria squadra e sui dossier più urgenti. La coalizione dev’essere all’altezza delle emergenze del Paese e delle aspettative degli elettori: Salvini – si legge ancora nella nota del Carroccio – auspica al più presto un vertice con Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • Adelio Bevagna 12 Ottobre 2022

    avanti senza girarsi indietro, l’Italia ha bisogno di tornare ITALIA.

  • SUGERITI DA TABOOLA