«Sono contenta». L’emozione della mamma di Giorgia e la letterina della piccola Ginevra

26 Set 2022 17:14 - di Elsa Corsini
mamma di giorgia

Orgogliosa,  ma senza tracotanza. “Sono contenta come qualsiasi madre che gioisce se i figli sono contenti di quello che fanno”. Così la mamma di Giorgia Meloni, Anna Paratore, intervistata da Repubblica nella sua storica casa della Garbatella. Dove la leader di Fratelli d’Italia è nata e cresciuta. E ha mosso i suoi primi passi, giovanissima, nella militanza politica a destra. Con il Fronte della Gioventù dell’epoca.

La mamma di Giorgia: Mia figlia neofascista? Baggianate

Sempre presente ma un passo indietro, mamma Anna sorride e respinge le accuse di pericolo neofascista che piovono ogni giorno dalla stampa estera. “Mia figlia neo-fascista? Ma non diciamo baggianate. Possono scrivere quello che vogliono. Adesso bisogna lavorare per il bene dell’Italia”, taglia corto. Certo, durante la notte ha sentito Giorgia. Poche parole. “Nulla in particolare, ci siamo chiamate al telefono, le ho fatto i complimenti. Niente di più”.

Sono contenta come qualsiasi mamma…

Linguaggio semplice, popolare, Anna Paratore, che ha cresciuta da sola le figlie, Arianna e Giorgia, non ama la retorica. Nel suo commento a caldo sul voto, dal comitato elettorale allestito a Roma, la leader di FdI (“A lei devo tutto”) le ha dedicato un passaggio commosso, ringraziandola insieme al compagno Andrea e alla sorella maggiore.

“Spero che tolga il reddito di cittadinanza ai 18enni”

Cosa succederà ora, dopo il trionfo dell’enfant prodige della destra italiana? Diventerà primo ministro? “Aspettiamo e vediamo come evolve lo scenario – dice – noi in famiglia siamo abituati a essere cauti, vediamo come va a finire. Certo sono contenta”. Poi, da cittadina, confessa di avere un desiderio: “Spero che mia figlia tolga il reddito di cittadinanza ai diciottenni. Che prendono i soldi per giocare ai videogiochi. E che dia quei soldi ai malati, agli anziani e agli invalidi. E a chi ne ha bisogno davvero”.

La figlia Ginevra: cara mammina sono felice che hai vinto

Anche la piccola Ginevra, sei anni, fa la sua parte. E partecipa alla gioia della famiglia per il successo di Giorgia. A pubblicare su Facebook la sua letterina alla mamma è la stessa leader di Fratelli d’Italia. Senza commenti, accompagnata semplicemente da una emoji a forma di cuore. “Cara mammina! Sono tanto felice che hai vinto. Ti amo tanto”. Sono le parole della figlia di Giorgia. Scritte con i caratteri maiuscoli, tipici di chi sta imparando a leggere e scrivere.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA