Celentano: sono ancora grillino e ho tifato Letta, ma la Meloni sta dimostrando saggezza

29 Set 2022 16:49 - di Redazione
Celentano

Grillino lo è rimasto, ha sperato che vincesse Enrico Letta ma adesso giudica l’atteggiamento con cui Giorgia Meloni ha accolto la vittoria “come un’improvvisa ondata di violenta saggezza“. Lui è Adriano Celentano. Uno che parla poco di politica, ma quando parla fa notizia.

Celentano ha scritto sui social il suo pensiero, come ormai fa da qualche tempo, dall’account in cui si definisce ‘L’Inesistente’: “Premetto che la mia è una sensazione. Quello che vi sto dicendo è solo il parere di un grillino, che pur continuando ad essere un grillino, nel corso di queste elezioni ha fortemente tifato per Enrico Letta. Per cui da come sono andate le cose non c’è tanto da ridere. Però, il fatto che Giorgia Meloni non abbia festeggiato la sua vittoria, non so perché, ma lo interpreto come un segno di grande democrazia, quasi come un’improvvisa ondata di violenta saggezza… Sarà forse questo il nuovo corso politico…? Imparare ad elogiare anche gli avversari…?”, si chiede Celentano concludendo la sua riflessione.

I mancati festeggiamenti della vittoria di FdI, primo partito col 26 per cento dei voti, sono subito diventati un caso. Mentre Celentano ne ha compreso lo spirito e ha apprezzato, i media ci hanno ricamato sopra. Dal Foglio che lo ha giudicato addirittura un segnale di incertezza e paura al quotidiano Domani che quasi si dispiace di non aver potuto immortalare saluti romani per strada. Il Domani rimarca che al tempo della vittoria di Gianni Alemanno a Roma si fece gran festa in Campidoglio. Invece stavolta nulla. Silenzio. Sobrietà. Meloni copia lo “stile Draghi”, commenta il quotidiano. Oppure, come ha sottolineato Celentano, è solo uno stile responsabile. Lontano dall’era Casalino e dall’era Morisi, per intenderci.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA