Gaetano Quagliariello: «Toti mi ha offerto un collegio blindato ma faccio passo indietro»

19 Ago 2022 12:01 - di Denise Mascolo
quagliariello

«Il presidente Toti mi ha offerto un collegio uninominale di quelli definiti in gergo “A1”, che almeno nei pronostici dovrebbero essere blindati. Di questo ringrazio Giovanni, perché penso sia anche un riconoscimento del lavoro svolto. Il collegio disponibile si trova in un’area geografica diversa da quella della quale mi occupo da molti anni. E si trova in una zona in cui altri esponenti del nostro partito hanno oggettivamente un maggior radicamento e una più significativa presenza. Ho molto riflettuto sulla proposta». Così il senatore e coordinatore nazionale di “Italia al Centro”, Gaetano Quagliariello spiega le ragioni della sua rinuncia a candidarsi alle prossime politiche.

Quagliariello: «Sono stato sempre presente»

«Sono stato un parlamentare di collegio. Nessuno, ad esempio – sottolinea sui social l’ex ministro – potrà mai rimproverarmi all’Aquila di essermi comportato da estraneo. Un patrimonio di progettualità e di umanità che non intendo disperdere. E il mio obiettivo resta quello di una politica che si possa qualificare sull’impegno e sulla competenza e possa per questo coprire quello spazio centrale che la degenerazione di Forza Italia ha lasciato pericolosamente sguarnito, in una scelta di campo – quella che ci vede con il centrodestra – che ritengo condivisibile perché “centro” non può certo significare farsi venire la labirintite appresso a una persona dall’atteggiamento e dall’orientamento instabile».

Quei “centrini” un po’ stantii…

«Questo spazio centrale -ricorda Quagliariello- è stato negli anni occupato da alcuni piccoli “centrini” un po’ stantii che, anche a causa di presenze delle quali non ci si riesce a liberare, si sono col tempo trasformati in uffici di collocamento per leader in difficoltà. Quanto al nostro giovane partito, in questi mesi ho potuto constatare la presenza di impegni genuini e forti che convivono con atteggiamenti che tendono a considerare la partecipazione a un’intrapresa politica una rendita di posizione da far valere alla bisogna».

Quagliariello: reagire politicamente

«Credo che a tutto questo sia necessario reagire politicamente affinché anche questa occasione non vada sprecata e perché una giusta concezione della politica e della vita di partito possa affermarsi e prevalere. Anche per queste ragioni, oltre che per motivazioni strettamente personali”, spiega Quagliariello, “ho deciso di non candidarmi a queste elezioni».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA