Bertolaso fa a pezzi la gestione di Conte della pandemia: «C’era solo improvvisazione»

25 Ago 2022 10:12 - di Liliana Giobbi
bertolaso

«La comunicazione istituzionale nel 2020 non è esistita. E quando è esistita ha fatto danni con un commissario che diceva “vi imploro mettetevi la mascherina” e l’altro che diceva “io la mascherina non me la metto”. Quando c’è un’emergenza serve un portavoce che parla per nome e per conto dello Stato. Questo nel 2020 non è esistito». Lo ha detto Guido Bertolaso, intervenendo al Meeting di Rimini.

Bertolaso: la Lombardia fu lasciata sola

«Nel marzo 2020 la Lombardia è stata lasciata sola. Non so se in modo deliberato o in modo involontario. Io l’ho visto», ha aggiunto Bertolaso. Nel periodo precedente alla nomina di Figliuolo «era tutto affidato all’improvvisazione. Con il governo Draghi è arrivato il generale, una persona normale ma con un metodo e con un criterio» che «ha fatto un’organizzazione e una programmazione».

«I nostri medici e infermieri si sono ammalati»

L’ex numero uno della Protezione civile ha poi detto che nel terzo mese del 2020 «i meccanismi di protezione individuali non c’erano. I nostri medici e infermieri si sono ammalati e sono morti. Questo succedeva inevitabilmente nella regione che è la più popolata d’Italia e crocevia».

L’azione del generale Figliuolo e l’emergenza

«Ogni lunedì ogni Regione riceveva quelli che io chiamavo i compiti del generale Figliuolo in base ai vaccini che arrivavano», ha puntualizzato. «Lui era il capo vero, c’era una linea di comando e controllo. I nostri politici ancora non hanno capito che quando c’è un’emergenza la democrazia deve vivere ma in funzione e grazie a qualche figura di vertice che decide».

Bertolaso sul ruolo dello Stato e delle Regioni

Parlando più in generale del ruolo delle Regioni, Bertolaso ha detto: «Il problema centrale che è stato sollevato dal primo giorno della pandemia era quello del ruolo dello Stato rispetto alle Regioni. E si è giocato su un equivoco che sarebbe ora di cancellare. Il 31 gennaio 2020 venne proclamato lo Stato di emergenza per il coronavirus. E quando si proclama uno stato di emergenza tutti gli aspetti relativi alle competenze delle Regioni rispetto alle strutture centrali svaniscono».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA