Crisi, il centrodestra cerca una risposta unitaria. Lollobrigida: «Iniziamo dal patto anti-inciucio»

14 Lug 2022 14:05 - di Michele Pezza
Centrodestra

Crisi o non crisi, il solco è tracciato. E tanto basta a partiti e schieramenti per guardarsi intorno e negli occhi con l’obiettivo di adottare la strategia vincente. Il centrodestra deve fare i conti sia con il non aver sostenuto unitariamente il governo Draghi sia con gli attuali distinguo sul da farsi. Giorgia Meloni in un tweetBasta temporeggiare. La parola torni agli italiani. Elezioni subito») e Matteo Salvini, in una dichiarazione, hanno ritrovato piena sintonia. A loro giudizio, dopo Draghi c’è solo il voto. Sul punto, invece, qualche differenza si coglie nella dichiarazione di Silvio Berlusconi, che pure apre alla possibilità del voto subito («andare alle urne non ci preoccupa), ma senza sbarrare la porta ad altre soluzioni.

I distinguo degli “azzurri”

Lo si coglie agevolmente quando l’ex-premier sottolinea che «i numeri dicono che il governo potrebbe proseguire il suo lavoro fine alla fine della legislatura anche senza il M5S». E quando dice che «attende con rispetto le determinazioni del presidente Draghi e le indicazioni che darà il capo dello Stato». In ogni caso, sottolinea, «è chiaro e innegabile che eventuali elezioni anticipate in un momento così delicato saranno da attribuire unicamente all’atteggiamento irresponsabile dei Cinquestelle».

Salvini: «Lavoro per il centrodestra unito»

E Salvini? I leghisti a lui più vicino lo dicono intento a ricercare una posizione in cui possa riconoscersi l’intero centrodestra. «La Lega – conferma lui – lavorerà per una scelta unitaria.  Piuttosto che perdere mesi preziosi con inutili e logoranti tira e molla, sarebbe più saggio dare la parola agli italiani». Una soluzione per la quadratura del cerchio la offre Fratelli d’Italia attraverso i capigruppo Luca CirianiFrancesco Lollobrigida: il patto anti-inciucio. «Per noi – spiega il presidente dei deputati di FdI – è una condizione naturale per essere insieme nel centrodestra. È uno scandalo – ha aggiunto – tenere in piedi un governo che ha ministri Speranza e Lamorgese e poi affermare che la sanità non funziona e che c’è un problema sicurezza in Italia». «Quello che è certo – gli fa eco Ciriani – è che FdI non farà mai da stampella di altri governi».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA