Eroi o mercenari? Chi sono i due britannici condannati a morte per aver difeso l’Ucraina a Mariupol

giovedì 9 Giugno 17:48 - di Monica Pucci

Sono stati condannati a morte i due cittadini britannici, Aiden Aslin e Shaun Pinner, catturati dalle milizie filo russe ad aprile mentre combattevano insieme ai soldati ucraini a Mariupol. Lo ha deciso la ‘Corte suprema’ dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk, che li ha riconosciuti colpevoli di ”terrorismo” per aver combattuto come ”mercenari”. Pena capitale anche per il detenuto marocchino Ibrahim Saadun. Il processo, che si è svolto a porte chiuse, era iniziato martedì.

Condannati i due britannici che difendevano l’Ucraina

Aslin, 28 anni di Newark, e Pinner, 48 anni di Watford, si sono difesi affermando di essere soldati dell’esercito regolare ucraino e rivendicando quindi il diritto di venire trattati come prigionieri di guerra in base a quanto prevede la Convenzione di Ginevra. Gli analisti hanno già parlato di ”processo farsa” per ”crimini inventati”, finalizzato piuttosto a fare pressione sulla Gran Bretagna e a chiedere uno scambio di prigionieri con soldati russi accusati di aver commesso crimini di guerra in Ucraina.

Shaun Pinner e Aiden Aslin, i due cittadini britannici condannati a morte dalla ‘Corte suprema’ dell’autoproclamata Repubblica di Donetsk, sono stati catturati ad aprile a Mariupol, nell’Ucraina meridionale, dalle milizie filorusse. Aveano chiesto di essere scambiati con il leader ucraino dell’opposizione filorussa Viktor Medvedchuk, sotto custodia delle forze di Kiev, ma il loro appello non è stato ascoltato.

Chi sono i due volontari catturati dalla Russia

Pinner è un ex soldato della Royal Anglian nato 48 anni fa a Bedfordshire. E’ stato lui, in un videomessaggio alla televisione russa, ad annunciare la cattura sua e di Aslin a Mariupol mentre combatteva con i marines ucraini. La sua famiglia lo ha descritto come un uomo “divertente, molto amato, ben intenzionato” e considera l’Ucraina “il suo paese di adozione”. “Shaun è stato un soldato rispettato all’interno dell’esercito britannico in servizio nel Royal Anglian Regiment per molti anni. Ha prestato servizio in molte zone, tra cui l’Irlanda del Nord e con le Nazioni Unite in Bosnia”, hanno detto i familiari.

Nel 2018 Shaun ha deciso di trasferirsi in Ucraina per utilizzare la sua esperienza e il suo addestramento all’interno dell’esercito”, si legge nella nota. “Negli ultimi quattro Shaun ha apprezzato lo stile di vita ucraino e ha considerato l’Ucraina come il suo paese d’adozione. Durante questo periodo ha incontrato sua moglie, ucraina, che è molto attenta ai bisogni umanitari del paese”. In Ucraina, il cittadino britannico è diventato ”un membro orgoglioso dei marines ucraini”.

Aiden Aslin è invece originario del Nottinghamshire e nelle ultime settimane aveva difeso Mariupol con la sua unità, prima di doversi arrendere dopo 48 giorni. In un post sul suo account di Twitter, gestito da un amico mentre combatteva con i marines ucraini, si leggeva: “Non abbiamo cibo né munizioni”. Poco dopo la cattura, Il 28enne era stato filmato mentre veniva portato in giro in manette con un taglio sulla fronte dopo essersi arreso. Prima di andare a combattere nel Donbass contro i russi, Aslin si era schierato al fianco delle milizie curde dell’Ypg a Rovaja, nel nord della Siria, contro i jihadisti dello Stato Islamico (Isis).

“I due britannici e il marocchino condannati oggi a morte come “mercenari” in un tribunale dell’autoproclamata repubblica di Donetsk intendono presentare appello”, ha detto alla Tass il loro avvocato d’ufficio, Pavel Kosovan. Il Guardian ricorda intanto che in Russia vie è una moratoria sulla pena di morte, ma non nei territori occupati dai russi in Ucraina.

 

 

 

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *