Andalusia: vincono i Popolari, Vox conquista due seggi in più. Batosta per i Socialisti

lunedì 20 Giugno 17:40 - di Federica Parbuoni
andalusia vox

Si sono concluse con una netta affermazione del Partito popolare le elezioni in Andalusia. Il partito del governatore uscente Juan Manuel Moreno Bonilla ha ottenuto 58 seggi, 32 in più della tornata precedente nella quale ne aveva ottenuti 26 e aveva avuto bisogno dell’appoggio esterno di Vox e Ciudados per poter governare. Cresce anche Vox, che aumenta di due seggi la propria rappresentanza, mentre scompaiono i liberali di Ciudadanos, che avevano 21 eletti e non ne confermano nessuno. La vera sconfitta politica, però, è quella dei socialisti del Psoe, il partito del premier Pedro Sànchez: perdono 3 seggi, passando da 33 a 30, ma soprattutto perdono la maggioranza relativa del parlamento dell’Andalusia, finora considerata una loro roccaforte.

L’exploit dei Popolari in Andalusia, Vox: «Buoni risultati»

Dunque, al Pp le urne hanno restituito un risultato decisamente migliore di quello pronosticato dai sondaggi delle vigilia, che davano per certa la loro affermazione, ma mettevano in dubbio la loro possibilità di arrivare alla maggioranza assoluta dei seggi, fissata a 55. La stampa spagnola legge l’exploit di Moreno in contrapposizione a Vox, del quale avrebbe arrestato l’avanzata. Ma Vox, si diceva, cresce anche in Andalusia e il suo leader, Santiago Abascal, ha ringraziato il «mezzo milione di andalusi che hanno votato» il partito. «La vostra fiducia è un tesoro e non la deluderemo», ha scritto su Facebook, dove ha salutato i risultati delle elezioni come «buoni», spiegando di aver sperato in un risultato migliore, ma «Vox – ha precisato – non interpreta questi risultati in una chiave esclusivamente partitica»

Abascal: «Grazie al mezzo milione di andalusi che ci ha votato»

«Sono buoni risultati per la Spagna e quindi sono buoni risultati per Vox», ha sottolineato Abascal, ricordando che «si è vissuta una sconfitta storica del partito che ha tradito la Spagna, che è sceso a patti con il terrorismo e il separatismo. E questo si paga in Spagna e in Andalusia». «Grazie! A tutti gli andalusi che ci hanno dato fiducia», ha quindi concluso il leader di Vox.

Una «sconfitta storica» per i Socialisti, ma Sànchez si blinda al governo

Le elezioni in Andalusia sono state vissute anche come un test in vista delle politiche dell’anno prossimo e che ora si abbatte come una mannaia sul governo del socialista Pedro Sànchez, il quale si è affrettato a dire che il voto andaluso non avrà alcuna ripercussione sullo scenario nazionale. «Il governo è forte e la legislatura andrà avanti fino alla fine», ha assicurato il premier, escludendo la possibilità di un «cambio di ciclo», mentre El Pais nota che «Sanchez affonda a sinistra» e El Mundo parla di «declino del Psoe».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *