Treviso, provano a strapparle la figlia dalle mani e a rapirla: la madre reagisce con coraggio

lunedì 9 Maggio 13:50 - di Greta Paolucci
rapimento

Interminabili momenti di paura, quelli che domenica pomeriggio ha vissuto una mamma a Mogliano (Treviso) a passeggio con la figlia di 4 anni per mano e il piccolo di appena 4 mesi nel marsupio. Nulla di strano e tutto tranquillo finché le si avvicinano tre persone che procedono in direzione opposta. Tra loro c’è una donna che, dopo essersi approcciata con fare gentile, all’improvviso ha provato a strapparle dalle mani la bambina e a prenderla in braccio per portarla via velocemente. Panico e shock invadono la mente e scuotono il corpo di questa madre del Trevigiano, a cui una sconosciuta ha tentato di rapire la piccola mentre stava camminando con i suoi figli nel sottopasso pedonale della stazione ferroviaria.

Tentato rapimento a Treviso: provano a strappare la figlia dalle mani della madre

La donna, fortunatamente, non si è persa d’animo e si è opposta alla violenza con tutta la forza che ha, contrastando il tentativo di rapimento con una reazione che sicuramente i malviventi non si sarebbero aspettati. Magari contando sul fattore sorpresa. Sullo choc e sulla paura. Sulla difficoltà di muoversi agevolmente avendo il marsupio con il neonato indosso. Tutti fattori che avrebbero potuto condizionare prontezza e efficacia della risposta della vittima al sopruso. La quale invece ha fatto prevalere coraggio, determinazione e forza della disperazione di fronte agli aguzzini che stavano per portarle via la figlia.

Succede tutto all’improvviso mentre la madre è nel sottopassaggio pedonale con i figli

Sulla vicenda, come riferisce Il Gazzettino, e rilancia il sito del Tgcom24, indagano i carabinieri, che stanno meticolosamente passando al setaccio le telecamere di videosorveglianza della zona. E allora, in base a quanto gli inquirenti al lavoro sul caso hanno fin qui ricostruito, i presunti rapitori sarebbero persone provenienti dall’Est europeo. Un particolare importante, che ha riferito la mamma della bimba. «Non sappiamo esattamente che intenzioni avessero – ha inoltre raccontato a Il Gazzettino il marito della donna, anche lui sconvolto per quanto avvenuto. E decisamente turbato da quello che sarebbe potuto accadere –. Ma è molto preoccupante». Gli inquirenti non escludono anche che si sia trattato di un tentativo di borseggio.

Coraggio e prontezza della madre fanno la differenza

Ma la madre di Treviso, vittima dell’aggressione e del tentato rapimento della figlia, in un post pubblicato sul gruppo Facebook della città per «allertare genitori e nonni con bambini», scrive: «Erano le quattro di pomeriggio e stavo passeggiando con la mia bimba – racconta – quando nel sottopasso pedonale della stazione ferroviaria si sono avvicinate tre persone, due uomini ed una donna. Ad un certo punto la donna ha preso in braccio mia figlia. Io l’ho prontamente ripresa. Ma lei ha continuato a cercare di prenderle la mano». Poi, conclude il drammatico post, «dopo averli mandati via si sono allontanati verso il parcheggio della Despar di via Roma». Per fortuna, i coraggio e la prontezza di una madre hanno fatto la differenza…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *