Immigrato irregolare insegue e palpeggia una 18enne a Monza: gli indizi “gravi e precisi”

venerdì 27 Maggio 11:44 - di Liliana Giobbi
monza

Un 19enne – immigrato irregolare – è gravemente indiziato di violenza sessuale. I fatti risalgono al 18 maggio a Monza. Era sera e una ragazza, diretta in stazione, ha incrociato in via Mentana un uomo, che ha iniziato a seguirla. Po ha tentato di parlarle. Al rifiuto di lei, lui le ha messo una mano sotto il vestito e l’ha palpeggiata.

Monza, la diciottenne reagisce

La vittima, di 18 anni, ha reagito alla violenza sottraendosi, tanto da far desistere l’uomo, che si è allontanato a piedi. Dopodiché, ripresasi dallo choc, la ragazza è andata a prendere il treno, che doveva portarla al lavoro. L’indomani, però, si è presentata negli uffici della Polizia ferroviaria di Monza, per formalizzare la denuncia- Ha fornito la descrizione dell’aggressore.

Attivato il “codice rosso”

Gli agenti hanno quindi attivato d’urgenza la procedura del “codice rosso” e avviato una prima indagine. Dalle immagini delle telecamere dei circuiti di sicurezza vicine alla stazione, i poliziotti hanno poi individuato – in alcuni fotogrammi – un giovane corrispondente alle descrizioni dell’aggressore fornite dalla vittima.

Gli agenti bloccano l’immigrato

Le immagini sono state diffuse sia alle pattuglie della Squadra Mobile che alle Volanti della Questurs. Così hanno preso il via le ricerche del giovane. La mattina del 25 maggio, verso le ore 13.30, in via Pavoni, a Monza, una volante ha notato una persona corrispondente al sospettato. E lo ha bloccato. Il ragazzo, un 19enne cittadino egiziano, irregolare. era gravato da un provvedimento di allontanamento. Gli agenti l’hanno accompagnato in Questura, per svolgere ulteriori approfondimenti investigativi.

Gli indizi sono “gravi e precisi”

La Questura di Monza, in una nota, sottolinea l’esistenza di  «gravi, precisi e concordanti indizi di reità in ordine al coinvolgimento del giovane nella violenza sessuale ai danni della ragazza».

Per continuare a leggere l'articolo sostienici oppure accedi